Piacenza, con Massimo Sebastiani arrestato anche il padre della sua ex

massimo sebastiani arrestato
Arrestato Massimo Sebastiani, con lui in manette anche un presunto complice – FOTO: facebook

C’è una svolta inaspettata nella vicenda di Massimo Sebastiani e della povera Elisa Pomarelli: i carabinieri hanno arrestato un presunto complice dell’uomo.

È giunto a conclusione il giallo di Piacenza che aveva visto la sparizione improvvisa della giovane Elisa Pomarelli e di Massimo Sebastiani, datata lo scorso 25 agosto. E purtroppo l’epilogo è stato dei peggiori, con la 28enne emiliana strangolata e sepolta nei boschi dal 45enne operaio che si era invaghito di lei e che ad un certo punto non ci ha visto più dalla rabbia per l’ennesimo rifiuto incassato. Sebastiani è stato individuato nella giornata di sabato 7 settembre all’interno di una casa abbandonata tra la vegetazione, in un’area isolata. Si nascondeva nel solaio. E poco dopo la sua cattura ha indirizzato gli inquirenti lì dove ha nascosto nei giorni scorsi il corpo della povera Elisa. Ma con lui è stata arrestata un’altra persona. Si tratta di un certo Silvio Perazzi, padre della sua ex fidanzata. Per quest’ultimo l’accusa è di favoreggiamento, in quanto avrebbe aiutato Massimo Sebastiani nella fuga.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Massimo Sebastiani, Perazzi avrebbe depistato gli inquirenti oltre ad ospitarlo

Le manette sono scattate nel corso di questa notte. Le forze dell’ordine hanno raccolto prove a sufficienza per ritenere che Perazzi, divenuto molto amico di Sebastiani, nei 13 giorni di fuga di questo Rambo di provincia, abbia coperto i suoi spostamenti tentando anche di depistare i carabinieri. Sembra anche molto probabile che Sebastiani sia stato suo ospite per qualche notte nella sua casa situata a La Costa di Sariano. Si stanno analizzando le deposizioni di Perazzi, il quale aveva raccontato di avere visto l’omicida di Elisa Pomarelli per l’ultima volta la sera del 25 agosto, durante la cena a seguito della quale l’assassino e la sua vittima erano scomparsi. Alla fine sia lui che lei (ormai morta) sono stati trovati proprio nei dintorni di casa del Perazzi. Attualmente l’uomo si trova detenuto ed è stato sottoposto ad un luno interrogatorio, in base a quanto appreso