Cosenza, padre dà un calcio ad un bimbo di 3 anni perché si avvicina alla figlia

Padre dà un calcio ad un bimbo di 3 anniScioccante violenza ai danni di un bimbo di colore di soli 3 anni a Cosenza: un padre ha dato un calcio al piccolo perché si era avvicinato troppo alla figlia.

Dalla cronaca locale di Cosenza è emerso un raccapricciante episodio di violenza ai danni di un bambino di 3 anni. Secondo quanto rivelato da una donna che si trovava a passare per corso Mazzini martedì scorso (la vicenda è emersa solo nelle scorse ore) il piccolo si trovava in compagnia dei due fratelli ed incuriosito dalla bimba nella carrozzina si è ingenuamente avvicinato per osservarla meglio. Il padre della piccola non ha gradito il gesto e gli ha dato un calcio nello stomaco facendolo volare a terra.

Immediata a quel punto la reazione dei passanti che hanno assistito all’incredibile scena di violenza ai danni del bambino di colore: la testimone e altre persone si sono sincerate delle condizioni di salute del piccolo, mentre la coppia si dava alla fuga. Per maggiore sicurezza è stata chiamata un’ambulanza ed il piccolo è stato portato in ospedale per un controllo. Per fortuna il piccolo non ha riportato ferite gravi (la prognosi è di 5 giorni), ma l’episodio avrà sicuramente ripercussioni psicologiche.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Arrestata la coppia che ha picchiato il bimbo di colore

Difficile comprendere cosa abbia spinto l’uomo a picchiare un bambino così piccolo, ma non è possibile escludere a priori che a motivare il gesto ci sia un profondo razzismo. Cosa avrebbe potuto fare di male il bambino avvicinandosi alla figlia? Il brutale gesto di violenza (e razzismo?) è stato condannato anche dal sindaco di Cosenza che a tal proposito ha dichiarato: “Cosenza è storicamente città di inclusione e accoglienza. Qualsiasi sia il motivo, se di natura razzista o di cieca follia certamente si tratta di un gesto gravissimo che non può trovare alcuna giustificazione, né deve essere sottaciuto”. Il colpevole dell’aggressione è stato fermato poco dopo dalla polizia insieme alla moglie. Gli agenti hanno raccolto le testimonianze dei presenti e acquisito le registrazioni delle telecamere di zona, quindi denunciato l’uomo per aggressione.