Home News Morte di Eleonora Perraro, il marito: “Vedo solo buio, non ricordo”

Morte di Eleonora Perraro, il marito: “Vedo solo buio, non ricordo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
CONDIVIDI

Morte di Eleonora Perraro, il marito Marco Manfrini in carcere per omicidio non si rende conto dell’accaduto: “Vedo solo buio, non ricordo”.

(Facebook)

“Non ricordo nulla, c’è solo il buio”, si è giustificato così col suo avvocato Marco Manfrini,50 anni, marito di Eleonora Perraro, 43 anni, il cui corpo privo di vita è stato trovato giovedì mattina nel cortile esterno del bar ‘Sesto Grado’ di Nago Torbole. Il racconto dell’uomo nel carcere di Spini di Gardolo. Qui infatti è stato accompagnato giovedì sera dai carabinieri della compagnia di Riva del Garda.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dubbi sulla morte di Eleonora Perraro

L’uomo ha raccontato all’avvocato Elena Cainelli: “Il sorriso di mia moglie è l’ultima immagine impressa nella mia mente. Lei serena, sorridente, nel giardino all’esterno del bar, poi c’è solo il buio”. Se si guarda alle tracce ematiche sulla corteccia di un albero, probabilmente si ha qualche dettaglio in più sull’accaduto, sulla brutalità dell’uxoricidio. L’uomo si è addormentato vicino al corpo esanime della moglie, che aveva sposato di recente, lo scorso dicembre.

I carabinieri di Riva del Garda e i colleghi del nucleo investigativo di Trento provano a ricostruire l’accaduto di fronte ai ricordi assenti dell’uomo. Intanto, dai primi esami sul corpo della donna emerge chiaramente che questa è stata vittima di una violenza inaudita, uccisa dalle botte dell’uomo che diceva di amarla. Proprio nel passato e nel presente di Marco Manfrini potrebbero esserci alcune risposte rispetto a quanto accaduto. Idraulico di professione, aveva subito un grave incidente e quindi viveva con una piccola pensione di invalidità. A quanto pare abusava di alcol. Ma gli amici sostengono che la moglie, estremamente possessiva, lo aveva cambiato. Una tragedia questa che forse davvero è destinata a rimanere senza un perché.

Leggi anche –> Scomparsi a Piacenza: finita la fuga di Massimo Sebastiani