Flat tax, possibile l’abolizione: ripercussioni negative su tanti che hanno partita Iva

flat tax abolizione
Con il nuovo Governo Conte si parla di possibile abolizione della flat tax – FOTO: viagginews.com

Il nuovo Governo Conte formato da M5S e PD potrebbe considerare l’ipotesi di abolire la flat tax. E per chi ha aperto la partita Iva sarebbe un male.

Ora che è partito il Governo Conte bis, che non prevede la presenza della Lega, ci si chiede che ne sarà di quei provvedimenti importanti concordati a suo tempo con Matteo Salvino. A rischio ad esempio c’è la flat tax per le partite Iva. La manovra potrebbe essere abolita per via di un nuovo corso fiscale portato in dote dal subentrato Partito Democratico. Va detto che per impedire la scomoda eventualità che l’Iva subisca un aumento servono 23 miliardi da reperire nella prossima manovra finanziaria.

La flat tax sull’Irpef pare destinata a sparire, ed anche il regime forfettario per partite Iva introdotto appena un anno fa potrebbe essere interessato da dei cambiamenti importanti. Siamo sempre nel campo delle ipotesi, ma la possibilità di variazioni significative esiste. Va detto che le norme in materia non prevedono alcun vincolo di retroattività. Abolire il regime forfettario o stravolgerlo non porterà a ripercussioni sulla cartella esattoriale del 2019, e si comincerà solo dal 2020 a seguire l’eventuale nuovo corso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Flat Tax, abolire il regime forfettario non converrebbe

Due sono i regimi passabili di interventi. Quello del 2018 per partite Iva con reddito massimo fissato a 65mila euro (per l’appunto il forfettario) e per cui è prevista una tassa del 15% (che scende al 5% per chi intraprende una attività commerciale) ed un altro che nei piani originari dovrebbe avere validità dal 1° gennaio 2020 e che riguarda i guadagni inclusi nella fascia tra i 65mila ed i 100mila euro all’anno. In questo caso la tassa è del 20%. E proprio perché non è ancora entrato in vigore, è proprio questo provvedimento ad essere più a rischio. Ci sono circa 410mila contribuenti inclusi nel regime forfettario. L’abolizione della flat tax comporterebbe per loro cambiamenti importanti, ed in negativo.

Tale provvedimento era stato preso per aiutare i giovani ad aprire la partita Iva necessaria per intraprendere la professione che la richiese, oltre a portare altri allo scoperto dal mondo del lavoro in nero. Il rischio ora è che parecchie partite Iva potrebbero essere chiuse perché non converrebbe tenerle in regime. Ed altri addirittura potrebbe decidere di tornare ad essere evasori. Secondo gli esperti però, l’abolizione del regime forfettario non converrebbe e porterebbe alle casse dello Stato soltanto un margine modesto.