Stefano Patuanelli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti: chi è, età e carriera

Conosciamo meglio il candidato numero uno per diventare il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Stefano Patuanelli

Stefano Patuanelli
Screenshot video

Stefano Patuanelli, nato a Trieste l’8 giugno 1974 sposato con tre figli, è il capogruppo del Movimento Cinque Stelle. Laureato in ingegneria edile con il voto di 110/110 e lode ed iscritto all’Ordine degli Ingegneri dal 2004: da allora esercita la libera professione. Inoltre, è stato consigliere e tesoriere dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Trieste dal 2009 al 2011, mentre è iscritto alla piattaforma Meetup dal 17 luglio 2005, data nella quale ha costituito il Gruppo Beppe Grillo Trieste e del quale è stato organizer per molto tempo. Dal 2011 al 2016 è stato consigliere comunale a Trieste, mentre alle elezioni 2018 è stato eletto Senatore nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia e da giugno 2018 è diventato il Presidente del gruppo MoVimento 5 Stelle a Palazzo Madama.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Stefano Patuanelli: i suoi hobby

Dal suo sito ufficiale stefanopatuanelli.it il capogruppo M5s si racconta meglio: “Avendo realizzato numerose opere pubbliche, ho potuto verificare e valutare le diverse fasi della normativa: dalla “Merloni” al D.lgs. 163/2006 fino al D.lgs. 50/2016. Il nuovo codice degli appalti sta mostrando, dopo un anno e mezzo di applicazione, alcune criticità che andranno superate”. Infine, parla anche dei suoi hobby: “In relazione ai miei interessi personali, amo lo sport in generale ed in particolare la pallacanestro e l’atletica. Ho giocato a basket fino a diciassette anni e poi ho iniziato ad allenare, dalle categorie giovanili fino alla serie C maschile. A trent’anni ho iniziato a correre, partecipando a diverse competizioni di mezzofondo. Purtroppo gli impegni professionali, familiari e l’attivismo politico mi hanno costretto a tralasciare l’attività sportiva. Mi piace la musica e suono da autodidatta il pianoforte. Amo l’arte, prediligendo la pittura, e, ovviamente, l’architettura”.