Home News Ylenia Carrisi viva: avvistata in Venezuela con due figlie, ecco la verità

Ylenia Carrisi viva: avvistata in Venezuela con due figlie, ecco la verità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:38
CONDIVIDI

Ylenia Carrisi viva: avvistata in Venezuela con due figlie, ecco la verità sull’ennesima testimonianza che racconta del possibile avvistamento della figlia di Al Bano e Romina. 

Ylenia Carrisi

Tra le tante testimonianze spesso rivelatesi infondate arrivate alla famiglia Carrisi in tutti questi anni si aggiunge quella che arriva da una certa Stefanie della quale non è stato reso noto il cognome. La donna si dice certa di aver avvistato Ylenia Carrisi e di averla vista in Venezuela. Il suo racconto però non si limita a questo. La testimone aggiunge di aver visto Ylenia in compagnia di due bambine di circa 6 e 4 anni che presuppone possano essere le sue figlie anche per una forte somiglianza con la donna. Ricordiamo che ad oggi Ylenia avrebbe 49 anni, ma va anche detto che questa segnalazione emersa in questi giorni risalirebbe comunque ad alcuni anni fa.

Leggi anche –> Scomparsa Ylenia Carrisi, la testimonianza choc della figlia del presunto killer

La storia della scomparsa di Ylenia Carrisi

Ylenia Carrisi scomparve a cavallo tra il 31 dicembre 1993 e il 1 gennaio 1994. La sera dell’ultimo dell’anno fece la sua ultima telefonata alla famiglia con una chiamata effettuata dal telefono del LeDale Hotel di New Orleans. Quella chiamata pare sia stata del tutto tranquilla al contrario di una telefonata di qualche giorno prima col padre Al Bano. Con lui Ylenia litigò. La famiglia infatti era preoccupata per il fatto che la figlia si trovasse a New Orleans dove aveva instaurato un rapporto con il trombettista di strada Alexander Masakela (poi primo sospettato e indagato per la sua scomparsa). L’uomo, che aveva precedenti per droga e abusi sessuali, era una specie di guru che secondo la famiglia Carrisi potrebbe aver in qualche modo soggiogato Ylenia. La ragazza fu vista per l’ultima volta in hotel il 6 gennaio 1994 mentre l’uomo rimase lì altri sei giorni durante i quali non segnalò assolutamente la scomparsa della ragazza. Inoltre Masakela si impossessò dei documenti di Ylenia e tentò di pagare l’albergo con i suoi assegni.