Home News Naufragio Concordia, Schettino vince la causa civile contro Costa Crociere

Naufragio Concordia, Schettino vince la causa civile contro Costa Crociere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10
CONDIVIDI
(GettyImages)

Per il naufragio della Costa Concordia l’ex comandante Francesco Schettino vince la causa civile contro la Costa Crociere per il rimborso delle spese legali.

26 mila euro come rimborso per quanto concerne il disastro della Costa Concordia. Francesco Schettino, ex comandante della nave, ha vinto la causa civile contro Costa Crociere ed è statoi l tribunale di Torre Annunziata, provincia di Napoli, a decretare il rimborso dei 26mila euro sopracitati pagati dall’ex comandate a titolo di onorario  spese dovute al legale Bruna Leporatti, legale indicatogli dalla compagnia Costa Crociere al momento del naufragio all’Isola del Giglio. Un’assistenza legale dovuta da parte della Costa nei confronti dell’allora comandante Schettino, così come previsto dai patti che prevede tale servizio come accordo tra comandante ed armatore. L’assistenza legale, pertanto, non viene prevista solo in caso di dolo o colpa grave, fatto per cui, Costa Crociere si rifiutava di eseguire il pagamento dei 26mila euro a Schettino, ,mancanza di volontà smorzata dalla decisione del Tribunale di Torre Annunziata.

Naufragio Concordia, 7 anni dalla tragedia

13 gennaio 2012, una data che non verrà dimenticata. Erano le 21.45 di venerdì quando la nave da crociera Costa Concordia urtò gli scogli de Le Scole, Isola del Giglio. Un danno enorme, una falla di 70 metri sul lato sinistro dello scafo tanto che la nave iniziò ad inclinarsi. Punta Gabbianara il posto esatto in cui avveniva il naufragio, ma due blocchi di granito evitarono alla Concordia di finire 100 metri sott’acqua. 3216 i passeggeri a bordo per quella che sarebbe dovuta essere una vacanza, una settimana di relax tramutatasi nell’incubo peggiore. Tra loro persero la vita 32 persone, 157 furono i feriti. Francesco Schettino, al comando della Costa Concordia, condannato in via definitiva ad otto mesi in carcere di Rebibbia a Roma. Il 12 maggio scorso la Cassazione gli ha confermato 16 anni di carcere, Schettino.