Bimbo autistico nervoso sul volo, i passeggeri lo coccolano: “Grazie di tutto”

Bimbo autisticoUna mamma riconoscente ringrazia personale e passeggeri del volo che si sono presi cura del figlio autistico, coccolandolo per farlo calmare.

Una bella storia emerge una volta tanto dagli Stati Uniti. A raccontarla è la madre di Braysen, bimbo autistico che qualche giorno fa ha dovuto prendere un volo con i genitori per fare ritorno a Houston, in Texas. Saliti sul volo della United Airlines a San Diego, la famiglia si è piazzata nei posti in prima classe con un minimo di ansia per come i passeggeri avrebbero preso le intemperanze del figlio. Infastidito dal volo, infatti, il piccolo Braysen ha cominciato ad urlare e scalciare, togliendosi la cintura e colpendo anche una malcapitata hostess.

Nessuno dei presenti, né il personale di volo né i passeggeri, si è lamentato per il comportamento decisamente vivace del bambino ed anzi tutti quanti sono stati estremamente disponibili nel cercare di farlo calmare. Alcuni dei passeggeri gli hanno fatto vedere delle foto e dei video sullo smartphone, altri hanno cercato di giocare con lui e tutti quanti gli hanno dedicato un minimo di affetto e attenzione. Le hostess non hanno mai smesso di chiedere se avesse bisogno di qualcosa e gli hanno concesso di sdraiarsi nel corridoio con una coperta. Una volta atterrati in Texas, uno dei passeggeri ha consegnato un bigliettino al piccolo Braysen sul quale c’era scritto: “Tu e la tua famiglia siete amati e sostenuti. Non lasciare che nessuno ti faccia sentire un peso, ma solo una benedizione”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La mamma del bimbo autistico ringrazia i compagni di volo

Piacevolmente sorpresa dall’atteggiamento di sostegno e affetto che i compagni di volo hanno tenuto nei confronti del figlio, la mamma del bimbo ha voluto testimoniare quanto accaduto su Facebook per ringraziarli: “Sono rimasta sopraffatta da tutta questa gentilezza, mi ha fatto venire voglia di piangere. Per la prima volta, le persone sono state molto comprensive e disponibili sull’autismo di Braysen. Tutto questo mi dà molto speranza per il futuro”. Anche il padre del bambino ha scritto qualche parola per testimoniare l’esempio di civiltà e educazione fornito dai passeggeri del volo: “Tutti in prima classe sono stati gentili con lui, chiedevano il suo nome, mostrandogli foto sui loro telefoni. Gli assistenti di volo continuavano a chiederci se avevamo bisogno di qualcosa, assicurandosi che tutti si prendessero cura di lui”.