Home News Apple: iPhone hackerati per due anni, sfruttate 12 falle nel sistema

Apple: iPhone hackerati per due anni, sfruttate 12 falle nel sistema

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:08
CONDIVIDI

Iphone hackerati per due anniGoogle ha rivelato che gli iPhone della Apple sono stati hackerati per due anni attraverso siti malevoli che sfruttavano 12 falle del sistema operativo.

I ricercatori di Google hanno scoperto che i dispositivi Apple dotati di sistema operativo Ios 10 e Ios 12 sono stati bersagliati da siti malevoli. A quanto pare per un periodo di due anni, fino al febbraio del 2019, gli iPhone che utilizzavano le due versioni del sistema operativo proprietario erano suscettibili agli attacchi degli hacker. Per permettere l’accesso al telefono bastava che i proprietari del telefono accedessero ai siti malevoli. Nel caso l’attacco avesse successo gli hacker istallavano un sistema di monitoraggio sul sistema.

A spiegare il funzionamento di questi siti è stato il ricercatore Ian Beer che lavora su Project Zero. Questo ha spiegato che per essere vittime dell’attacco non serviva alcuna interazione con il sito (a differenza dei classici malware che si istallano con l’accesso ad un link interno al sito) e pare che questi abbiano ricevuto migliaia di visite a settimana nel periodo di vulnerabilità. Una volta attivato il sistema di monitoraggio, gli hacker avevano accesso a tutti i dati, foto, contatti e password comprese.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Apple, iPhone hackerati per due anni: aggiornare per risolvere il problema

Sempre i ricercatori di Google hanno spiegato che l’accesso agli iPhone è stato permesso da dodici falle nella sicurezza dei dispositivi, sette delle quali erano collegate all’utilizzo di Safari come motore di ricerca. Nella maggior parte dei casi bastava spegnere il telefono per scollegare il sistema di monitoraggio, ma un nuovo accesso ad uno dei siti avrebbe permesso un nuovo attacco. Inoltre se gli hacker erano già entrati in possesso di account e password potevano accedere in vari modi.

Il problema è stato risolto dalla stessa Apple con l’aggiornamento 12.1.4 rilasciato nel febbraio del 2019. Vista la situazione si consiglia a tutti i possessori di iPhone con sistema Ios 10 e 12 di aggiornare quanto prima per evitare di cadere nella rete degli hacker e permettere il furto di dati sensibili.