Mary Poppins, il cast del film cult è stato travolto dalle tragedie

Mary PoppinsMary Poppins è una delle favole iconiche della Disney ed è ritenuto da decadi come un film simbolo della spensieratezza e della felicità familiare. Gli interpreti della pellicola cult, però, hanno avuto una vita tragica.

Mary Poppins è stata una scommessa per la Disney in un periodo in cui i film animati della casa di produzione stentavano a decollare. Il successo ottenuto dalla pellicola ha dato nuova linfa alla vena produttiva e iscritto una volta per tutte la casa cinematografica nell’olimpo di Hollywood. Ad anni di distanza (55 per l’esattezza) dalla prima messa in scena del film, Mary Poppins è un film iconico, una favola senza tempo che ha accompagnato ed accompagna i bambini nella fase della crescita. Non a caso lo scorso anno il film ha ricevuto un remake con Emily Blunt nei panni della magica governante resa immortale da Julie Andrews. Non molti sanno, però, che i protagonisti di quella bella storia a lieto fine hanno vissuto delle tragedie che ne hanno segnato irrimediabilmente la vita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le tragedie che hanno colpito il cast di Mary Poppins

La star del film, Julie Andrews, era un’accanita fumatrice e proprio questo suo vizio l’ha costretta a sottoporsi ad un’intervento di rimozione chirurgica di un tumore benigno alle corde vocali. L’asportazione della massa è stata ultimata con successo, ma uscita dall’ospedale l’attrice premio Oscar ha perso la voce che l’ha resa famosa in tutto il mondo.

Dick Van Dyke, lo spazzacamino del film, venne lanciato dall’interpretazione in Mary Poppins, ma in quel periodo era divenuto un alcolista. Le continue feste a cui partecipava lo avevano reso dipendente dall’alcol e questa dipendenza l’aveva portato ad una forte depressione che lo ha quasi condotto al suicidio. Ci sono voluti 21 anni prima che riuscisse a disintossicarsi e potesse tornare sullo schermo.

Il destino più infausto è stato riservato però al piccolo Matthew Garber (Michael Banks), il quale a 20 anni ha contratto l’epatite dopo un viaggio in India. L’anno successivo l’ex attore è morto a causa delle complicazioni derivanti dalla malattia. Tragica anche la vita di David Tomlison (George Banks, il padre burbero) che è stato costretto a superare il suicidio della moglie a soli 26 anni. La donna si gettò dal quindicesimo piano con i due figli.