Irama, con Francesco Facchinetti è guerra: “Si va in tribunale” – VIDEO

Irama Francesco Facchinetti
È guerra tra Irama e Francesco Facchinetti? Per ‘Chi’ si – FOTO: viagginews

Tra Irama e Francesco Facchinetti ora volano gli stracci: ne è sicuro ‘Chi’, che parla di approdo in tribunale tra i due ex amici e colleghi di lavoro.

Fine dell’amicizia, del rapporto lavorativo, di tutto. Tra Irama e Francesco Facchinetti ora è guerra, stando a quanto riferito dal settimanale ‘Chi’. La rivista diretta da Alfonso Signorini fa sapere che i due si vedranno presto in tribunale, dopo l’improvvisa rottura sul piano artistico ed umano con tanto di scambio di messaggi al veleno sui social network. Dove comunque nessuno dei due aveva fatto nomi. Ma i riferimenti ai più erano parsi inequivocabili. Facchinetti, ora manager della agenzia NewCo, aveva pubblicato un post pregno di delusione contro un “ex amico”. Poco dopo lo stesso Irama aveva risposto con una foto nella quale si faceva ritrarre mentre compiva un gestaccio. Tanti fans sia dell’uno che dell’altro non hanno avuto dubbi: si era trattato di un botta e risposta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Irama, con Francesco Facchinetti è sorta una faida

Pare che alla base di tutto ci fossero motivazioni di natura economica ed una certa intolleranza di Irama nei confronti di Riki, altro cantante facente parte della scuderia della NewCo. I motivi della rottura sarebbero da attribuire al 23enne cantautore di Monza. Il messaggio completo di Facchinetti recitava così. “Da oggi ho un nemico in più da abbattere. Oggi mi sono svegliato con una persona a cui tenevo moltissimo, questa è una persona a cui ho dedicato tanto tempo della mia vita ultimamente, mi ha tradito, mi ha preso in giro, mi ha preso per il cu*o, mi ha raccontato un sacco di frottole e di balle. Quindi mi sono svegliato molto inca**ato. Detto questo mi rivolgo a te, tu che lo sai, te la farò pagare fino alla fine dei tuoi giorni”. Accuse alle quali Irama aveva replicato con un dito medio, per poi smentire che il destinatario fosse Facchinetti Jr.