Qualcosa è cambiato: trama, cast e curiosità sul film

Qualcosa è cambiato è uno di quei film da vedere almeno una volta nella vita: ecco tutto quel che c’è da sapere sul capolavoro di James L. Brooks.

Qualcosa è cambiato (As Good as It Gets) è un celebre film del 1997 diretto da James L. Brooks con protagonisti, Jack Nicholson ed Helen Hunt, entrambi stati premiati agli Oscar 1998 come miglior attore e miglior attrice. La pellicola occupa la 140° posizione nella classifica de “I 500 film più grandi di tutti i tempi” della rivista Empire. Conosciamola più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Qualcosa è cambiato: la pellicola dalla A alla Z

Al centro della trama di Qualcosa è cambiato c’è Melvin Udall, un affermato scrittore di romanzi rosa che vive a New York e soffre di disturbo ossessivo-compulsivo che lo porta a offendere e umiliare continuamente gli altri. Oltre ad avere un pessimo carattere, Melvin è un misantropo razzista che detesta neri, gay, ebrei, vecchiette e cani. Simon, il suo vicino di casa gay, è un pittore che subisce un’aggressione in casa e per pagare l’assistenza sanitaria dilapida tutto il suo patrimonio. Soprattutto, durante la convalescenza è costretto ad affidare il suo amato cagnolino Verdell a Melvin. Poi c’è Carol, una ragazza single, madre di un bambino debolissimo di salute che fa la cameriera in un locale dove Melvin va a mangiare ogni giorno portandosi dietro posate di plastica per paura dei germi.

Ebbene, un giorno Carol è costretta a rinunciare al lavoro per assistere suo figlio in malattia e questo fatto stravolge le abitudini di Melvin. Per risolvere la situazione, lo scrittore invia a casa di Carol il suo medico personale con l’ordine di non badare a spese e far guarire il bambino il prima possibile in modo che Carol possa tornare a servirgli il pranzo e a sopportare le sue cattiverie. Nel frattempo Simon, ridotto sul lastrico, cade in una depressione che gli impedisce persino di dipingere. Melvin diventa una presenza ricorrente nella sua vita, essendosi affezionato al cagnolino Verdell, e tra i due si alternano scontri e momenti di confidenza.

Simon, convinto da un amico gallerista ad andare dai suoi genitori a Baltimora per farsi prestare del denaro, si ritrova ad avere per compagni di viaggio Melvin e Carol. Melvin con l’occasione vuole conquistare Carol, ma non riuscirà a vincere la sua radicata ritrosia a lasciarsi andare, diventando perfino geloso dell’amicizia tra lei e Simon. Quando i tre fanno ritorno a New York, Carol dice chiaro e tondo che non intende più sopportare Melvin. Ma Simon, che proprio grazie a lei è riuscito a ritrovare l’ispirazione, sprona l’amico a reagire. Melvin, finalmente deciso a superare le sue ossessioni, riesce a confessare a Carol il suo amore per lei.

Qualcosa è cambiato riscosse grande successo al botteghino statunitense nel fine settimana del 26-28 dicembre 1997, conquistando il terzo posto dietro Titanic e Il domani non muore mai con circa 13 milioni di dollari di incasso. A livello globale fruttò un guadagno di ben 314 milioni di dollari, di cui 148 milioni negli Stati Uniti e i restanti 166 milioni nel resto del mondo. Il film venne inoltre accolto con ottime critiche. Secondo il sito Rotten Tomatoes, l’85% delle 78 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo, con un punteggio medio di 7.2/10.

Infine alcune curiosità. Jack Nicholson dedicò l’Oscar vinto al suo partner in Codice d’onore, J.T. Walsh, morto poco prima della cerimonia degli Academy Awards del 1998.
E quando nel film Melvin Udall getta il cagnolino Verdel nello scarica-biancheria, dice “Questa è New York… se ce la fai qui, puoi farcela dovunque!”, una citazione dal testo della canzone New York, New York di Fred Ebb. E la sua descrizione delle donne – “Immagino un uomo, e gli tolgo affidabilità e razionalità” – è la stessa risposta misogina data nella realtà dallo scrittore John Updike. Da vedere!

EDS