Governo M5S PD, gli elettori pentastellati in rivolta: “Era meglio la Lega”

Governo M5S PD
Ipotesi di Governo M5S PD, tanti i no dall’elettorato pentastellato – FOTO: viagginews

Molti dei simpatizzanti del Movimento 5 Stelle esprimono il loro totale dissenso ad un possibile governo M5S PD: “Molto meglio tornare con Salvini”.

Le trattative per comporre un eventuale nuovo Governo M5S PD vanno avanti. I due partiti però si contraddistinguono per le tante differenze, rese ancora più evidenti dalle schermaglie verbali che hanno visto come protagonisti i principali esponenti sia dell’uno che dell’altro schieramento nel corso degli anni. Tuttavia Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti vanno avanti nel tentativo di trovare una intesa. Ma le reazioni dei rispettivi elettorati sul web non sembrano essere delle più entusiastiche. Ad esempio, sulle pagine a tema M5S buona parte dei simpatizzanti pentastellati si dicono assolutamente contrari alla formazione di un asse di governo M5S PD. Addirittura non sono in pochi a chiedere a Di Maio di ricucire lo strappo venutosi a creare con la Lega – responsabile della caduta dell’Esecutivo Conte – e di evitare così il voto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Governo M5S PD, c’è chi dice no. E sono in tanti

La sensazione è che solo una minoranza di chi accorda la propria preferenza al Movimento 5 Stelle voglia invece chiudere con Salvini ed aprire a Zingaretti. Le divisioni però non finiscono qui: nei pentastellati si sono venute a creare anche due correnti, che vorrebbero come primo ministro rispettivamente Di Maio e Conte. In effetti le critiche per queste prove di dialogo con il Partito Democratico da parte degli elettori del M5S sono nette: “Andare col PD è la stessa cosa che accordarsi con Forza Italia”. “Non fate stupidaggini, tornate con la Lega e mettete Di Maio premier. Col PD è finita”. “Fermatevi, no con il Pd, piuttosto è meglio ritornare con Salvini. Prego tutto, ma mai con il Pd”. E nei confronti del Partito Democratico arrivano accuse dirette da chi simpatizza per Grillo e Di Maio.

Sarcasmo per un eventuale accordo M5S PD

“Quelli del PD, pur di riacchiappare le poltrone del governo, sono disposti a dire di sì a tutto, anche al taglio dei parlamentari, ma dopo boicotteranno di sicuro l’impegno preso! C’è un’insita doppiezza in loro. Già lo stesso Togliatti nel dopoguerra ne segnalò la presenza fra i ‘compagni’: stare nelle istituzioni coltivando il desiderio di una rivoluzione armata”. E non manca della pungente ironia. Tra i commenti più sarcastici, rivolti al M5S, c’è il seguente. “Comunque, con tutto il rispetto, siamo passati dallo ‘apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno’ ad aggiungere tanto altro olio di oliva nella scatola”.

“Invece è quel che serve per mettere fuori gioco la Lega”

Mentre c’è chi si rassegna a vedere un Movimento 5 Stelle destinato a perdere ulteriormente consensi e che pagherà a caro prezzo questa apertura decisamente inattesa al PD. Ma come detto, c’è anche chi la pensa in modo diametralmente opposto. “Mai più con la Lega, tornare con Salvini vorrebbe dire dare a lui una seconda occasione e perdere di tutto la dignità”. E “rinunciare ad un accordo con il PD significherebbe rendere la Lega indispensabile”. Non resta che aspettare.