Governo M5S-Pd: ci sarebbe l’accordo su Conte premier

Governo M5S-Pd: stando a un’indiscrezione di ‘fonti qualificate’ ci sarebbe l’accordo su Giuseppe Conte nuovamente premier, gli aggiornamenti.

Conte
(Getty Images)

L’indiscrezione la lancia Affaritaliani.it mentre è in corso un vertice del Movimento 5 Stelle: il governo ‘giallo-rosso’ dovrebbe nascere e alla presidenza del Consiglio siederà ancora una volta Giuseppe Conte. Il noto portale cita “una fonte qualificata di massimo livello”, pur non spiegando di chi si tratta. Dunque, limati i programmi nelle prossime ore, sembra fatta per la nascita di un nuovo governo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuovo governo: cosa succede tra M5S e Pd

L’esecutivo, che pure avrà al suo interno la componente del Movimento 5 Stelle, virerà verso il centro sinistra e tra le proposte che sarebbero sul tavolo ci sarebbe l’abolizione dei due decreti sicurezza, fortemente voluti dal leader della Lega, Matteo Salvini. In sostanza, ci sarebbe una netta inversione di tendenza rispetto a posizioni statiche da parte sia del Pd che del Movimento 5 Stelle. Dopo quanto accaduto negli anni dal 2013 a oggi, sembrava davvero impensabile un risvolto del genere.

Nel frattempo, come detto, in questi minuti sarebbe in corso presso un’abitazione privata nel centro di Roma, nei pressi di Castel Sant’Angelo, un vertice pentastellato alla presenza di Luigi Di Maio, il presidente della Camera Roberto Fico, la vice presidente del Senato Paola Taverna, i capigruppo di Camera e Senato Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, Davide Casaleggio e Alessandro Di Battista. E anche il Pd si muove, come spiega una nota del partito: “La Direzione Nazionale del Pd è convocata domani, martedì 27 agosto alle ore 18, presso la sede nazionale del partito, in via S. Andrea delle Fratte 16. L’ordine del giorno è sulla crisi di governo e su varie ed eventuali. L’orario di convocazione potrà essere aggiornato alla luce degli sviluppi della crisi”. I dem, attraverso il renziano Andrea Marcucci, spiegano di non porre alcun veto ma di voler parlare di contenuti. Intanto, fonti del Quirinale spiegano che delle prime risposte ufficiali arrivano dai partiti coinvolti in questa trattativa entro le 19 di oggi. Nel frattempo, prosegue la protesta della base 5 stelle sui social: sono molti a chiedere elezioni subito o un nuovo accordo con la Lega.