Raffaella Carrà, il racconto della showgirl: “Ho avuto due madri”

La regina delle regine, Raffaella Carrà, si è confessata ai microfoni di velvetgossip.it parlando della sua infanzia: ecco il suo racconto emozionante

Un racconto emozionante che ha portato Raffaella Carrà indietro nel tempo. La showgirl e cantante italiana si è confessata ai microfoni di velvetgossip.it parlando della sua infanzia con due madri: “Io sono cresciuta senza un padre. Era danaroso ma troppo playboy e mia madre si lasciò nel 1945. Oggi, quando si parla delle adozioni a coppie gay ma anche etero, faccio un pensiero: ‘Ma io con chi sono cresciuta?’ Mi rispondo: con due donne, mia madre e mia nonna. Facciamoli uscire i bambini dagli orfanotrofi, non crescono così male anche se avranno due padri o due madri. Io le ho avute. Sono venuta male?” Poi ha aggiunto: “Andreina, mia nonna materna, gestiva una gelateria nella piazza centrale e mi accoglieva nei mesi estivi. Se Bologna, dove sono nata, era il luogo delle fatiche, del dovere e dell’impegno scolastico sotto gli occhi vigili di mia madre Iris, Bellaria era invece il luogo della vacanza e della libertà, scandito dalla musica. Perché Andreina, oltre a essere brava come commerciante, suonava il violino, e tutte le notti mi addormentavo accanto a lei con indimenticabili colonne sonore: mi cantava i brani delle romanze più famose, e io prendevo sonno cullata dalla sua voce”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Raffaella Carrà, la polemica della showgirl italiana

Infine, la stessa Carrà ha espresso la sua posizione in relazione all’adozione in Italia: “C’è stato un tempo in cui non pensavo ai figli, poi quando li ho voluti non sono arrivati. Avrei desiderato profondamente adottare, ma in Italia non si può. E proprio non lo capisco. Perché un single o uno della mia età non può adottare? Forse che io oggi non sarei in grado di educare un figlio? Comunque la mia maternità l’ho sublimata in paternità e la esprimo attraverso i miei due nipoti, figli di mio fratello, che ora non c’è più. Sono grandi ora i miei nipoti, hanno 32 e 34 anni, hanno una bravissima mamma e io sono il loro “papà”: l’ho promesso a mio fratello, sono due figlioli da accudire. Il destino non mi ha lasciato sola”.