Home News L’appello per il piccolo Lino: “Abbiamo finito tutti i risparmi, aiutateci”

L’appello per il piccolo Lino: “Abbiamo finito tutti i risparmi, aiutateci”

CONDIVIDI

L’appello per il piccolo Lino: “Abbiamo finito tutti i risparmi, aiutateci”. I genitori del bimbo sono disperati e chiedono pubblicamente aiuto. 

Lino
(GoFundMe)

Lino è un bimbo di soli sei mesi, insieme alla sua famiglia vive nel New Jersey ma ha origini italiane, infatti il papà Stefano è di Mola di Bari. Il piccolo ha una grave lesione cerebrale per delle complicanze post parto ed è dunque in questa condizione sin dalla nascita. Per curarlo e per fargli tutti gli esami necessari i genitori hanno già speso oltre 400mila dollari, tutti i risparmi che avevano messo insieme nella loro vita. Ma il bambino ha bisogno di cure continue e sempre più costose e per questo la famiglia di Lino ha deciso di lanciare una campagna di raccolta fondi su Gofundme Hope for Lino.

La storia sfortunata del piccolo Lino

Tutto è iniziato durante il travaglio quando un’infezione grave da streptococco ha fatto fermare il cuore di Lino per 10 minuti. La mancanza di ossigeno al cervello per tutto questo tempo ha provocato una serie di gravissime conseguenze sul piccolo. Lino non riesce ma muovere le dita, i polsi, le braccia e le gambe e il suo tronco e il collo, ha inoltre gravi difficoltà a muovere la bocca e la lingua e per questo non riesce a nutrirsi autonomamente e attualmente è nutrito con un sondino per l’alimentazione nasogastrica. Lino sostiene quotidianamente una serie infinita di esami, visite e cure ed è seguito presso l’ospedale di Filadelfia da una serie di medici quali un neurologo, un neurochirurgo, un neuro-oftalmologo, un gastroenterologo, un fisiatra, un pneumologo e un chirurgo plastico. Per tutto ciò con il sistema sanitario americano il costo è altissimo e tutto a carico della famiglia.

L’appello disperato della famiglia di Lino

“Abbiamo finito tutti i risparmi, abbiamo speso oltre 401 mila dollari e qualsiasi altra risorsa a cui potessimo pensare. Certo, ci sono alcuni programmi medici statali per i quali Lino è candidato, ma la maggior parte, se non tutta, dell’assistenza finanziaria statale o federale dipende dal reddito dei genitori e, sebbene non facciamo molto, facciamo troppo perché non siamo al di sotto la soglia di povertà e quindi non possiamo accedervi. Le spese sono tante, troppe, per questo ci rivolgiamo a tutti voi per l’aiuto di cui abbiamo veramente bisogno. Tutto ciò che vogliamo è dare a Lino le migliori possibilità di vita”.