Home News Movimento Cinque Stelle, le parole dopo l’incontro con Mattarella – VIDEO IN...

Movimento Cinque Stelle, le parole dopo l’incontro con Mattarella – VIDEO IN DIRETTA

CONDIVIDI

Movimento Cinque Stelle, le parole dopo l’incontro con Mattarella. 

E’ finita ora l’incontro del Movimento Cinque Stelle capeggiato da Luigi Di Maio col Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Seguiamo in diretta le parole del leader pentastellato.

Le parole di Di Maio:

“La crisi ha fatto piombare nell’incertezza milioni di italiani. Si rischia di riportare il Paese alla crisi del 2008. Non è giusto che a pagare questa crisi siano gli italiani. La fine prematura di questo governo ha bloccato riforme determinanti che avrebbero migliorato la qualità della vita degli italiani. Per questo i nostri obbiettivi prioritari per l’Italia sono: taglio dei parlamentari, manovra economica equa con stop all’aumento dell’Iva e il salario minimo orario, cambio di paradigma sull’ambiente, legge sul conflitto di interessi e riforma della Rai, dimezzare i tempi della giustizia, autonomia differenziata e riforma degli enti locali, lotta all’evasione fiscale e carcere per i grandi evasori, piano straordinario di investimenti per il Sud con l’istituzione di una banca pubblica per gli investimenti, riforma del sistema bancario, tutela dei beni comuni, legge di riforma della scuola e legge sull’acqua pubblica”.

“Il voto è un’ipotesi che non ci intimorisce affatto. Ma il voto non può essere la fuga dalle promesse fatte agli italiani. Noi ne abbiamo ancora tante da realizzare. Stare al governo ha fatto perdere consensi al Movimento Cinque Stelle e per tutelarci per noi sarebbe meglio andare al voto. Ma è anche vero che i cittadini ci hanno votato per cambiare l’Italia e non per cambiare il Movimento. Il coraggio non è di chi scappa, ma di chi prova fino alla fine a cambiare le cose. In queste ore sono state avviate tutte le interlocuzioni per individuare una maggioranza solida che voglia convergere sui punti che ho espresso poc’anzi”.

Commento – Di Maio non nomina mai né PD né Lega. L’assenza di risposta ai cinque punti proposti da Zingaretti lascia molto perplessi. La risoluzione della crisi in tempi record sembra impossibile.