Home News Padova, Federico Bertollo è morto per overdose di eroina: era la prima...

Padova, Federico Bertollo è morto per overdose di eroina: era la prima volta che la usava

CONDIVIDI

La prima volta di Federico Bertollo è stata letale: il giovane 23enne ha perso la vita per overdose di eroina

Federico Bertollo

Una tragedia avvenuta a Padova nei scorsi giorni. Il giovane 23enne Federico Bertollo ha perso la vita per overdose di eroine. Era la sua prima volta con lo stesso pusher che gliel’ha iniettata. Il fratello del ragazzo Andrea ha affermato: “Gli aghi gli hanno sempre fatto molta paura”. Ora si trova in carcere Ivano Sogliacchi di 49 anni che dice di fare il restauratore: l’uomo è accusato di spaccio e di ‘morte come conseguenza di altro reato’. Il ragazzo studiava al conservatorio con padre medico e fratello avvocato: amava le recite in teatro come attore-cantante in musical. Come svelato dalle pagine de “Il Corriere della Sera” il fratello Andrea prosegue il suo racconto cercando di capire i motivi di tutto ciò: “Da ragazzino Federico era brillante: pieno di amici, aveva la fidanzatina ed era un bravissimo chitarrista. Un giorno, aveva 14 anni, venne investito mentre andava in bicicletta. Entrò in coma e ci restò un mese. Poi un anno di riabilitazione. Quando uscì dall’ospedale la parte sinistra del corpo non rispondeva più, camminava zoppicando. I coetanei lo prendevano in giro, veniva bullizzato e incontrò qualche difficoltà ad accettarsi”.

LEGGI ANCHE –> Vigor Bovalenta, dopo la sua morte la moglie ama una donna: “Sono rinata”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Padova, la triste vicenda di Federico Bertollo

La famiglia ha intenzione di andare avanti con le indagini per rintracciare le cause e i motivi della morte di Federico. Infine, il fratello Andrea ha concluso: “Il medico ci ha assicurato che, se i soccorsi fossero stati chiamati prima, mio fratello oggi sarebbe vivo. Pare che lunedì in quell’appartamento non fossero presenti soltanto lui e lo spacciatore, ma anche altre persone. Chi erano? E, soprattutto, perché hanno aspettato a dare l’allarme? Forse qualcuno aveva qualcosa da nascondere. E Federico ci ha rimesso la vita”.