Home News Bonolis sull’incidente a Ciao Darwin: “Onda disumana contro di noi”

Bonolis sull’incidente a Ciao Darwin: “Onda disumana contro di noi”

CONDIVIDI

Paolo Bonolis racconta l’incidente a Ciao Darwin: “E’ una cosa terribile, può succedere in qualsiasi contesto”.

paolo bonolis
(screenshot video)

Paolo Bonolis continuerà ad essere uno dei più importanti presentatori Mediaset per i prossimi due anni. A proposito della programmazione autunnale e invernale, Bonolis ha detto: “Ci sarà soprattutto il pre-serale, “Avanti un altro!” da Dicembre, e poi alcune prime serate, su cui tengo un paio di strade aperte”. Nemmeno quest’anno, però, Paolo Bonolis riuscirà a riportare in televisione il talk-show per lui più importante: “Il senso della vita”; il titolo del programma questo autunno diventerà un libro, scritto dallo stesso Paolo: “Non facciamola troppo grossa. A un certo punto, tempo fa, mi sono accorto che avevo iniziato a parlare da solo… A quel punto, ho pensato: “Meglio scriverle, queste cose”. Cosa c’è dentro? Un specie di elenco di cose pensate, se vuole di piccoli sensi della vita, con cui mi rivolgo soprattutto ai miei figli. Una cosa leggera, però, su questo non mi smentisco”.

Potrebbe interessarti anche –> Ciao Darwin concorrente paralizzato, beffa atroce in arrivo per lui dalla Legge

Terribile incidente a Ciao Darwin: Paolo Bonolis torna a parlarne

Non solo belle notizie. Nell’intervista che Paolo Bonolis ha concesso a “La Repubblica”, il presentatore ha parlato anche del terribile incidente successo a “Ciao Darwin”: lo scorso 17 Aprile il concorrente Gabriele Marchetti, concorrente di 54 anni, cadde dai rulli durante il gioco del Genodrome, e rimase paralizzato. Sia Paolo che sua moglie Sonia Bruganelli sono rimasti in contatto con Simone Marchetti, l’unico figlio di Gabriele, dopo l’incidente. Paolo Bonolis è sempre stato onesto sull’accaduto, e durante l’intervista ha raccontato: “E’ una cosa terribile, può succedere in qualsiasi contesto,ma è successo qui: ci siamo adoperati per tutto quanto è necessario, parliamo con la famiglia, mi risulta anche qualche piccolo miglioramento. Ma c’è un problema: niente di tutto quello che facciamo può contrastare l’onda disumana di sciocchezze dette e scritte da chi vuole sfruttare questa cosa. Da un lato, una verità: dall’altro c’è una volontà di narrazione iperbolica nella quale si insinuano i parassiti del sensazionalismo, impossibili da contrastare”. 

Sempre a proposito di “Ciao Darwin”, Bonolis ha chiuso l’intervista con una battuta: “Una puntata di contrapposizioni che volevo fare e non ho potuto? Sarei andato in visibilio, all’epoca, per Papa Boys contro Papi Girls, ma non si può avere tutto”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!