Crisi di Governo, sondaggio riservato: in caso di elezioni l’M5S è al 7%

Crisi di Governo
(Getty Images)

Crisi di Governo: il Movimento 5 Stelle proverà a scongiurare il pericolo di elezioni, secondo un sondaggio sono scesi al 7% tra le preferenze.

Sono state ore intense quelle che hanno preceduto la giornata di oggi. I senatori del PD e quelli del Movimento 5 Stelle hanno dialogato a lungo per capire quale possa essere la formula giusta per proporre un Governo d’alleanza che vada bene ad ambo le parti e scongiuri il rischio di elezioni anticipate (ecco lo scenario in questo caso). Al momento rimane pur sempre la possibilità che i grillini cerchino di far cambiare idea a Salvini e alla Lega, ma si tratterebbe di un accordo che prevedrebbe il sacrificio proprio del leader leghista.

Difficile che si percorra quella strada, anche perché i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, già titubanti sull’accordo dello scorso anno, non approverebbero una nuova alleanza con la Lega. Ciò che risulta certo è che dalle parti di Grillo e Casaleggio si voglia evitare assolutamente di andare ad elezioni anticipate, perché il rischio è che il Movimento finisca all’opposizione con una rappresentanza in parlamento minima.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Crisi di Governo, il Movimento 5 Stelle scende al 7%

Secondo quanto riportato sul ‘Corriere della Sera’, Di Maio si sarebbe incontrato con Grillo e Casaleggio e questi gli avrebbero fatto capire che a voler andare ad elezioni sarebbe lui e pochi altri esponenti del Movimento. Secondo una fonte di primissimo piano (così si legge sul Corriere) questi avrebbero detto all’attuale vicepremier: “Ah, Luigi, tu sei quello che vuole andare al voto, ho capito bene? Forse non ti è chiaro che se si va al voto oggi, domani, tra sei mesi o tra sei anni, il Movimento è morto. Ed è morto anche perché non sei stato in grado di guidarlo”.

Tale certezza sarebbe dovuta ai risultati di un sondaggio privato richiesto dal vicepremier in cui viene mostrato che se oggi si andasse ad elezioni i pentastellati prenderebbero una percentuale pari al 7-8%. Appare chiaro come l’unica soluzione per rimanere al Governo sia quella di accordarsi con il PD o di nuovo con la Lega, cosa accadrà? Può succedere di tutto, ma bisognerà attendere il discorso di Conte per sapere in quale direzione andrà il Paese.