Home News Morto Marcello Musso, il magistrato dell’inchiesta sugli amanti dell’acido

Morto Marcello Musso, il magistrato dell’inchiesta sugli amanti dell’acido

CONDIVIDI

Marcello MussoUn tragico incidente ha portato alla morte di Marcello Musso, il magistrato che ha incriminato i due amanti dell’acido: Martina Levato e Alexander Boettcher.

Tragedia nell’astigliano: il magistrato Marcello Musso, titolare dell’inchiesta sulle aggressioni con l’acido che ha portato alla condanna dei due amanti Martina Levato e Alexander Boettcher è morto in seguito ad un drammatico incidente stradale. Il magistrato si trovava ad Asti per le vacanze estive e stava facendo una passeggiata in bici tra Agliano e Costigliole. Proprio mentre stava svoltando per la via in cui si trova la casa della madre, Marcello è stato centrato in pieno da un’auto e sbalzato in aria.

L’automobilista non si è reso conto che l’uomo in bici stava svoltando e solo all’ultimo momento ha cercato di frenare per evitarlo, senza riuscirci. Lo stesso automobilista ha chiamato i soccorsi che sono arrivati sul luogo dell’incidente il prima possibile. Gli operatori del 118 hanno fatto il possibile per rianimare il magistrato ma i loro tentativi sono risultati vani e sono stati costretti a dichiararne il decesso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte Marcello Musso, le condoglianze dell’avvocato di Boettcher

Nel 2014 si chiudeva il processo ai danni di Martina Levato e Alexander Boetcher con la condanna definitiva a 19 anni e 6 mesi di reclusione per le aggressioni con l’acido che la “coppia diabolica” aveva messo in atto. La stessa Martina, anni dopo la sentenza, ha ammesso di aver sbagliato e si dice sinceramente pentita per le sue azioni. In quella occasione Marcello Musso si è scontrato in aula con il legale Michele Andreano, difensore di Alexander Boettcher. Tra i due c’era della reciproca stima e proprio Andreano è stato il primo collega a commentare la sua tragica morte. Come riportato da ‘Tgcom 24‘ infatti, il legale ha dichiarato: “E’ scomparso un Pm con la schiena dritta. Una persona perbene, un grande lavoratore, un vero servitore dello stato, un avversario leale e molto preparato. Lo ricordo con grande affetto”.