Home News Salerno, salma ricoperta da formiche nella sala mortuaria: la denuncia

Salerno, salma ricoperta da formiche nella sala mortuaria: la denuncia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:56
CONDIVIDI

Episodio disgustoso quello che è avvenuto all’ospedale di Scafati, in provincia di Salerno. Una salma di una donna di 61 anni è stata trovata piena di formiche nella sala mortuaria

Ospedale

Episodio terribile ciò che è avvenuto nell’obitorio dell’ospedale di Scafati, in provincia di Salerno. I familiari di una donna di 61 anni hanno ritrovata la salma piena di formiche e così subito hanno denunciato la disavventura ai carabinieri. L’Azienda sanitaria subito ha voluto ribadire: “Sono stati rinvenuti insetti che inequivocabilmente fuoriuscivano da un interstizio tra due battiscopa”. Successivamente la procura ha sequestrato le cartelle cliniche per capire ciò che è avvenuto: nelle prossime ore ci sarà anche l’autopsia per conoscere le cause della morte, come richiesto dai familiari assistiti dall’avvocato Gerardo Striano e Silvio Del Regno.

LEGGI ANCHE —> Morte Nadia Toffa, l’amico fisioterapista: “Era lei che ci dava forza”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Salerno, la ricostruzione dell’ospedale

L’Azienda sanitaria di Salerno ha comunicato la ricostruzione del decesso della donna: “Il decesso è avvenuto alle ore 9:20, il trasporto della salma in obitorio tra le ore 9:30 e 9:45 dopodiché sono stati rinvenuti insetti che inequivocabilmente fuoriuscivano da un interstizio tra due battiscopa”. L’ASL ha, poi, comunicato: come “aveva già effettuato una serie di attività preventive volte alla sanificazione degli ambienti mediante plurimi interventi, l’ultimo dei quali effettuato in data 7 agosto ed ulteriori attività sono peraltro già programmate”. Infine l’ASL di Salerno ha aggiunto: “Immediatamente allertati, sono giunti sul posto il dr. Alfonso Giordano direttore del DEA Nocera Inferiore-Scafati-Pagani , il dr. Luigi Lupo, direttore del Nucleo Operativo ispettivo e il dr. Maurizio D’Ambrosio, dirigente medico del presidio ospedaliero di Scafati ed è stato altresì investito il Dipartimento di Prevenzione”.