Sharon Tate, cinquant’anni fa la strage di Bel Air di Charles Manson

Oggi, 9 agosto 2019, ricorre il cinquantesimo anniversario della strage di Bel Air con la morte di Sharon Tate da parte della “Famiglia” di Charles Manson

GettyImages

Cinquant’anni fa avvenne la strage di Bel Air con l’omicidio di Sharon Tate di appena 26 anni ed incinta da otto mesi e mezzo. La ragazza, sposata con il regista Roman Polanski, era a casa con gli amici quando fu uccisa dalla “Famiglia” di Charles Manson. Suo marito si trovava a Londra per lavoro dopo aver girato un film e così, come svelato da Susan Atkins detta “Sadie”, la ragazza venne uccisa sul divano di casa: “Non ne potevo più di sentirla implorare. Così le ho detto: senti, tu stai per morire, e io per te non provo nessuna pietà… Ero strafatta di acido”. Sharon venne pugnalata per ben sedici volte, ma i loro assassini prima di allora non l’avevano mai vista. Quando la polizia entrò nella villa a Bel Air trovò cinque corpi senza vita: quello di Sharon Tate accanto a quelli di Jay Sebring, Wojciech Frykowski, regista polacco con la sua compagna Abigail Folger, mentre fuori dalla porta c’era il ragazzo delle consegne Steve Parent di appena 18 anni, ucciso con un colpo di pistola.  La testimone d’accusa al processo, Barbara Hoyt, ha raccontato nella sua autobiografia come entrò a far parte della Famiglia capitanata dal leader maximo Charles Manson: “Avevo litigato con mio padre, non ricordo nemmeno più per cosa. Ero scappata di casa e avevo fatto l’autostop. Mi presero due ragazze e mi portarono allo Spahn ranch. Mi accompagnarono da Manson la sera stessa. Tirò fuori la chitarra, mi guardò negli occhi e cominciò a cantare una sua canzone, “Cease to exist”. Faceva: “Bella ragazza, smetti di esistere… Vieni qui e dimmi che mi ami. Lascia il tuo mondo, perché io sono come te, io sono il tuo tipo”. Mi sentii subito accettata e compresa, senza condizioni. Ma voi ve lo ricordate cos’è avere 17 anni?”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Sharon Tate, chi era Charles Manson

Charles Manson era arrivato a San Francisco all’età di 33 anni proprio per la Summer of Love. L’uomo sognava di diventare una star della musica incontrando prima Neil Young, poi andando a casa di Dennis Wilson, il batterista dei Beach Boys. Ma la sua carriera non decollerà mai, ma avrà tanto fascino sulle ragazze arrivando così a fondare la comunità hippie allo Spahn ranch, un vecchio set di film western abbandonato. Della “Famiglia”, come verrà chiamata la comune, faranno parte ben cinquanta persone, soprattutto giovani donne in fuga dai mariti o dai genitori. Il pomeriggio di quel 9 agosto ordinò di uccidere dopo aver fondato una vera e propria setta ispirata al culto delle droghe e del sesso.