Home News Elezioni anticipate, quando si va al voto: guida alla crisi di governo

Elezioni anticipate, quando si va al voto: guida alla crisi di governo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:15
CONDIVIDI
guida alla crisi di Governo
(Getty Images)

Salvini ha detto a chiare lettere che la maggioranza non esiste più, adesso è probabile si vada ad elezioni anticipate, ecco quando si dovrebbe votare.

Lo scenario che da tempo si prospettava (quello di una crisi di Governo) si è concretizzato ieri quando il ministro dell’Interno Salvini ha annunciato che non c’è più la maggioranza e che non ci sono più le condizioni per mandare avanti il Governo Conte. A nulla è servito il vertice tra il vicepremier ed il premier di mercoledì, ieri pomeriggio l’annuncio del leader leghista ha sancito la fine del contratto di governo e dell’alleanza con il Movimento 5 Stelle. Adesso Giuseppe Conte (queste le sue parole a caldo) ha in mano il futuro dell’esecutivo, può decidere di dare le dimissioni e accelerare i tempi, o di andare alle Camere e chiedere la fiducia (sostegno che senza la Lega non ci sarebbe), quindi dovrà andare al Quirinale per rimettere l’incarico al Presidente della Repubblica.

A quel punto Sergio Mattarella potrebbe chiedere ai capi gruppo di esplorare le volontà dei parlamentari al fine di capire se c’è il presupposto per andare avanti con un governo tecnico o se sarà necessario andare ad elezioni. Difficile che un governo tecnico abbia la maggioranza per poter legiferare, dunque si tratterebbe di un governo ponte che si occuperebbe esclusivamente di approvare la manovra di bilancio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Elezioni anticipate ecco le possibili date

In base a quali saranno i prossimi sviluppi le elezioni anticipate potranno tenersi in diverse date. Se, come pare, il governo cadrà prima di Ferragosto la prima data utile per andare alle urne sarà il 13 ottobre. I tempi tecnici per organizzare una tornata elettorale sono all’incirca di due mesi, dunque prima di quella data non sarà possibile votare. Qualora si dovessero allungare i tempi di scioglimento, le votazioni potrebbero slittare alle domeniche successive: il 20 o il 27 ottobre o addirittura il 3 o il 10 di Novembre.