Carabiniere ucciso, la polizia americana rende omaggio a Mario Cerciello Rega

Carabiniere ucciso, la polizia americana rende omaggio
(Screenshot Facebook)

La polizia Usa ha voluto rendere omaggio a Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso con undici coltellate da Elder Lee.

Sebbene ci siano ancora dei punti oscuri sulla ricostruzione della dinamica (il presunto assassino ha ritrattato la confessione) dell’omicidio avvenuto settimana scorsa, la sostanza dei fatti è che Mario Cerciello Rega è stato ucciso in servizio dal diciannovenne californiano Finnegan Elder Lee (ecco la ricostruzione degli inquirenti). Il carabiniere aveva risposto ad una segnalazione ed era andato a fermare un tentativo di estorsione da parte di due giovani americani ai danni di un cittadino romano. Dopo l’identificazione la situazione è precipitata e Elder Lee ha preso il coltello da 18 cm che aveva in tasca ed ha accoltellato il carabiniere per 11 volte.

La tragica morte di questo carabiniere ha colpito i cittadini italiani, ma anche molti cittadini di tutto il mondo. Mario Cerciello Rega, infatti, era un ragazzo (aveva 35 anni) e si era sposato da poco. La neonata famiglia sognava di costruire un futuro insieme e di avere dei figli, un sogno che è stato spezzato dalla violenza di quella notte.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Polizia americana omaggia il carabiniere ucciso

Nelle scorse ore la polizia della California, lo stato da cui provengono i due teenager americani accusati di omicidio, ha voluto omaggiare il carabiniere ucciso con un post di condoglianze sulla propria pagina ufficiale in cui si legge: “La scorsa settimana il vice brigadiere Mario Cerciello Rega è stato ucciso da due teenager americani. Era appena tornato dal viaggio di nozze. Le nostre più profonde condoglianze vanno alla famiglia, agli amici e ai nostri colleghi in Italia”.

Il post è stato seguito da altri similari da parte dei corpi di polizia di diversi Paesi occidentali, i quali hanno voluto rendere omaggio ad un collega morto in servizio. Un gesto di solidarietà, quello dei corpi di polizia, a cui l’Arma dei Carabinieri ha risposto con un post di ringraziamento: “Cari colleghi, grazie tanto per aver reso onore a Mario con il vostro tributo. Lo abbiamo apprezzato”.