Totò, lo scandalo del finto matrimonio e della moglie coetanea della figlia


Totò, lo scandalo del finto matrimonio e della moglie coetanea della figlia. Fece scalpore in quegli anni la relazione dell’attore con la donna che lo accompagnò negli ultimi anni della sua vita, Franca Faldini.

Fu senz’altro ricca di vicissitudini la vita sentimentale di Antonio de Curtis, ovvero il grande Totò. Dopo un tormentato amore e un matrimonio finito, l’attore si legò infatti a quella che sarebbe stata la sua compagna per tutto il corso degli ultimi anni della sua vita. A questa ultima relazione è legata la notizia che fece scalpore tra le riviste dell’epoca e legata ad un finto matrimonio contratto tra i due all’estero.

Totò: lo scandalo del finto matrimonio e della moglie coetanea della figlia

Diana Bandini fu la compagna di Totò dal 1931 e divenne sua moglie dal 1935 al 1939. Da lei l’attore ebbe una figlia, Liliana De Curtis, che proprio Totò scelse di chiamare come Liliana Castagnola, sua vecchia fiamma e suicida per amore di lui. Non rispettando il patto che i due avevano stabilito, ovvero quello di rimanere a vivere insieme, anche se separati, fino al momento nel quale loro figlia si fosse sposata, Diana decise di andarsene e poco dopo Totò conobbe Franca Faldini. Fu proprio quest’ultima che accompagnò la sua vita privata e professionale in quelli che furono gli ultimi anni della sua vita. Il loro rapporto fece da subito scalpore, in primo luogo per la giovane età della Faldini, che possedeva solo due anni in più della figlia di Totò, ovvero Liliana. In secondo luogo poi i due decisero, per mettere a tacere le voci sul proprio conto, di contrarre un finto matrimonio nel 1954 all’estero, ovvero a Lugano, in Svizzera.

Leggi tutte le notizie su Google News