Rapina in villa, bimba di 11 anni sventa la minaccia: “Si è anche ferita”

Rapina in villa
Ragazzina sventa rapina in villa nel Milanese – FOTO: viagginews.com

Una bambina di appena 11 anni risulta decisiva nello sventare una rapina in villa, con i ladri giunti in casa sua. E ha anche rimediato una ferita.

Una rapina in villa a Paderno Dugnano, popoloso comune in provincia di Milano, è stata sventata dal coraggio di una bambina di soli 11 anni. Merito della sua intraprendenza. L’adolescente ha mantenuto la calma, riuscendo a telefonare al 112 per avvisare le forze dell’ordine di quanto stesse avvenendo in casa. Il fatto è successo venerdì scorso verso le 19:00, con due malviventi che hanno assaltato la casa abitata da padre, madre e figlia. I ladri avevano il volto coperto da dei caschi. Uno sorvegliava la donna mentre l’altro si stava facendo consegnare 10mila euro in contanti custoditi in una parte sicura dell’abitazione. Entrambi avevano un coltello da macellaio con il quale stavano tenendo sotto scacco i poveri malcapitati. L’uomo è un imprenditore di 49 anni, la moglie una casalinga 36enne originaria dell’Est Europa.

LEGGI ANCHE –> Incidente mortale, coinvolta la figlia della compianta Loredana Simioli

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rapina in villa, bimba 11enne chiama le autorità e sventa la minaccia

La coppia ha avuto anche un bimbo più piccolo. Era stato proprio il 49enne – titolare di una ditta di trasporti – ad aprire l’uscio di casa ai delinquenti. “Sono giunti in scooter”, riferisce la donna. “Uno di loro mi ha spinta al muro ordinandomi di stare calma, così non mi sarebbe accaduto niente. Il suo complice invece ha puntato il coltello contro mio marito, all’altezza del fegato. Gli aveva detto che se non gli consegnavano i soldi che tenevamo di sotto lo avrebbe sventrato”. Segno che gli autori di questa rapina in villa sapevano cosa cercare e come colpire. All’improvviso la mamma urla alla figlia di comporre il 112. La bimba ha anche rimediato un taglio al ginocchio che ha richiesto l’applicazione di qualche punto di sutura.

La piccola non ricorda come si è procurata il taglio

“Tutto è stato così concitato e nemmeno lei ricorda come si è fatta male”. Alla fine un rapinatore ha strappato il telefono dalle mani della bambina, correndo in tutta fretta verso lo scooter in attesa del complice. Quest’ultimo però era rimasto intrappolato dopo che la mamma della bimba aveva serrato il cancelletto esterno. A quel punto è intervenuto il padre che è riuscito ad immobilizzare il pregiudicato, un 20enne milanese già noto alle autorità. Sono arrivati anche dei vicini di casa a dare man forte all’imprenditore, assieme a degli operai sopraggiunti da un vicino capannone. “Il delinquente provava a sfuggire alla presa dando testate col casco, poi qualcuno glielo ha tolto. Il complice invece ha provato a sfondare il cancello con il suo mezzo, rischiando di investire alcuni presenti. Poi si è dato alla fuga. Il giovane arrestato si trova in carcere a Monza con l’accusa di rapina aggravata.