Home News Andrea di “Beverly Hills” nei guai: “Ha truffato il sindacato”

Andrea di “Beverly Hills” nei guai: “Ha truffato il sindacato”

CONDIVIDI

Gabrielle Carteris, l’indimenticabile interprete di Andrea in “Beverly Hills 90210”, è in guai seri: deve rispondere dell’accusa di truffa. 

Avrebbe violato le regole statutarie nella campagna per la sua rielezione alla presidenza del sindacato SAG-AFTRA, e ora deve rispondere dell’accusa – gravissima – di truffa. Una brutta gatta da pelare per Gabrielle Carteris, l’indimenticabile interprete di Andrea in Beverly Hills 90210: l’attrice che rivedremo a partire dal 7 agosto nel revival del mitico telefilm. La notizia, riportata Variety, ha subito fatto il giro del web.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La difesa di Andrea di Beverly Hills

Non tutti sanno che Gabrielle Carteris è presidente dal 2016 dello Screen Actors Guild, il sindacato che rappresenta più di 160mila attori di cinema e tv. Ora, però, la nota attrice rischia di finire al centro di una rognosa causa federale. Secondo quanto rivelato da Variety, infatti, avrebbe usato informazioni confidenziali per rendersi protagonista dell’accordo sindacale siglato con Netflix. E – quel che è peggio – avrebbe usato fondi del sindacato per promuovere la sua candidatura. Candidatura che sarà ora costretta a ritirare entro dieci giorni.

La diretta interessata, naturalmente, si è subito dichiarata innocente e ha fatto sapere, tramite i suoi legali, che le accuse nei suoi confronti sono del tutto infondate. “Ci risiamo – ha dichiarato Gabrielle Carteris – . Ogni volta che c’è un’elezione, possiamo contare sul Membership First [la fazione a lei avversa, ndr] che presenta accuse infondate, mandando in fumo le quote associative dei nostri membri. Questo è solo un altro cinico stratagemma che non arriverà a nulla e possiamo aggiungerlo alla lista di oltre un milione di dollari che il sindacato ha già speso per gestire le sue ridicole acrobazie”. Sarà un tribunale a stabilire se le cose stanno davvero così.

EDS