Home News L’avvocato di Elder: “Non è andata come dicono i Carabinieri”

L’avvocato di Elder: “Non è andata come dicono i Carabinieri”

CONDIVIDI

Parla l’avvocato di Elder, l’americano accusato di aver accoltellato e ucciso il Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega: “Non è andata come dicono i Carabinieri”. 

Elder
Carabiniere ucciso, Elder Lee e Gabriel Natale Hjorth si isolano in carcere – FOTO: screenshot

Renato Borzone, uno dei difensori di Finnegan Lee Elder, spiega brevemente ai cronisti che l’hanno raggiunto la posizione sua e del suo assistito: “Abbiamo assunto la difesa da 12 ore e stiamo cercando di ricostruire tutti i passaggi di una vicenda che presenta ancora aspetti poco chiari. In particolare mi riferisco alla dinamica dei fatti, nella fase finale, quella con la colluttazione che non mi risulta sia quella rappresentata dalle fonti investigative. Elder è costernato per l’accaduto così come la sua famiglia ha espresso la propria vicinanza a quella del vicebrigadiere Cerciello Rega. Questa difesa ha cominciato a lavorare e chiede rispetto in ordine alla figura di Elder che non ha alcun precedente penale, neppure negli Stati Uniti, e non è affatto un soggetto violento”.

Leggi tutte le nostre notizie anche tramite il servizio di Google News – CLICCA QUI

Carabiniere ucciso, le parole della mamma di Elder

La donna dice di essere distrutta poi spiega: “Non posso parlare, è tutto così precario, stiamo aspettando le indicazioni del dipartimento di Stato, prima di partire per Roma, forse domani o mercoledì- Siamo affranti per la morte dell’ufficiale Rega. I nostri pensieri sono per lui, abbiamo il cuore spezzato. Siamo devastati. Non sono cresciuti insieme. Non conosco l’altra famiglia. Non la conosco affatto. Sono stati a scuola insieme solo per un brevissimo periodo. Il viaggio a Roma è stato organizzato all’ultimo momento. E’ tutto molto tragico. Presto saremo in Italia”.

La donna poi ha aggiunto: “È un ragazzo riflessivo, che ha anche molto sofferto ed è vero che usava la marijuana, che in California è legale e lui la prendeva con la ricetta medica, per alleviare il dolore di una menomazione fisica. Non mi sono mai accorta che usasse altre droghe. Finn è un ragazzo riflessivo. L’unica spiegazione che posso darmi se davvero risultasse coinvolto in modo diretto in questa tragedia, è che fosse terrorizzato e dunque può aver reagito in modo inconsulto”.