Blitz dell’Antimafia in Calabria: arrestati politici ed imprenditori

Blitz antimafia in CalabriaLa Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria ha scoperto un giro di affari illeciti gestito dalla ‘Ndrangheta, arrestati politici e imprenditori per associazione mafiosa.

L’indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria sulla cosca Libri del capoluogo calabrese, una delle più potenti della zona, ha portato all’arresto di 17 persone tra politici, imprenditori gestori di ristoranti ed attività commerciali che hanno beneficiato degli accordi con i mafiosi per ottenere vantaggi. L’ordinanza di arresto emessa dalla Dda è stata eseguita questa mattina con blitz della squadra mobile della Polizia. Oltre agli arresti, gli agenti questa mattina hanno posto sotto sequestro e perquisito decine di edifici in cui avevano sede le più disparate attività imprenditoriali.

Tra i politici coinvolti nelle indagini ci sono il capogruppo del PD al consiglio regionale della Calabria Sebastiano Romeo e quello del FdI Alessandro Nicolò. Tra gli indagati anche il consigliere regionale del PD Demetrio Naccari Carlizzi. L’uomo è il cognato del sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il quale però risulta estraneo ai fatti contestati e non risulta pertanto indagato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Blitz dell’Antimafia in Calabria: lo sviluppo delle indagini

Secondo quanto emerge dal ‘Sole 24 ore’ le indagini della Dda sono partite dalle informazioni condivise da alcuni collaboratori di giustizia che hanno portato gli investigatori ad esaminare la carriera politica di uno degli indagati. Questo, infatti, avrebbe ricevuto supporto dalla ‘ndrangheta sin dalla campagna elettorale e, solo grazie al bacino di voti veicolato dai mafiosi, avrebbe preso un posto all’interno del consiglio regionale. Attraverso le intercettazioni e ad altre informazioni ottenute dai collaboratori di giustizia si è giunti a delineare un traffico illecito che vedeva nei politici gli uomini chiave per ottenere vantaggi imprenditoriali e finanziari per la cosca Libri e per tutta la ‘ndrangheta.