Roma, ragazzo morto dopo essere precipitato dal Lungotevere: “Bravata finita male”

ragazzo morto lungotevere
Lugotevere, ragazzo morto dopo essere precipitato da una altezza di 15 metri – FOTO: viagginews

Si ritiene che possa esserci un comportamento irresponsabile a monte del fatto di cronaca che ha visto un ragazzo morto nella notte a Roma: la dinamica.

C’è un ragazzo morto in seguito a quello che è sembrato essere uno sfortunato incidente. Il tutto è avvenuto a Roma, sul Lungotevere dei Tebaldi, in pieno centro. La vittima è un cittadino francese di 19 anni, che si trovava in compagnia di due amici quando all’improvviso è precipitato di sotto. L’incidente sembra però collegato ad un possibile gesto di incoscienza da parte del ragazzo morto subito dopo un volo di circa una quindicina di metri. Il fatto è successo questa notte ed ora stanno indagando su quanto avvenuto i carabinieri della stazione Quirinale. L’ora precisa di questo sfortunato accadimento risale all’una e 40 del mattino. Dalle testimonianze ricavate dai due individui che erano con loro – anch’essi di nazionalità francese – sarebbe emerso che la vittima si era messa a camminare sul parapetto.

LEGGI ANCHE –> Carabiniere ucciso, gli imputati hanno tre possibili strade per farla franca

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazzo morto, è precipitato mentre camminava dal parapetto: forse era ubriaco

Di colpo avrebbe perso l’equilibrio per poi finire in basso, compiendo un tragico volo. E non si esclude che potesse essere in stato di alterazione psico-fisica, magari per l’assunzione eccessiva di alcolici. Il giovane si trovava in Italia con i suoi amici per una vacanza. Come detto, le forze dell’ordine hanno aperto una inchiesta per accertare la presenza di eventuali responsabilità attribuibili a terzi, e nella fattispecie ai due amici che erano con il giovane deceduto. Per il quale il personale medico non ha potuto fare niente se non constatarne la morte, al loro arrivo.

LEGGI ANCHE –> Carabiniere ucciso, immagini mancanti e la manovra ‘da marine’ di Elder Lee: quanti dubbi