Terremoto a Senigallia: allarme tra i bagnanti sulla costa

Terremoto a Senigallia in provincia di Ancona: allarme tra i bagnanti sulla costa marchigiana a nord del Monte Conero e a sud di Fano.

terremoto senigallia
Terremoto Senigallia

Senigallia trema per pochi secondi: una scossa di magnitudo 2.8 si è verificata oggi pomeriggio a 4 km da Senigallia, in provincia di Ancona, sulla costa marchigiana a nord del Monte Conero. La scossa ha avuto luogo alle ore 16.13, ad una profondità di 9 km. Non risultano danni a persone o cose: le due città principali, oltre a Senigallia, colpite dal sisma sono Fano a 21 km e Ancona a 24 km.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Terremoto a Senigallia: cosa è accaduto

In diversi bagnanti hanno avvertito il terremoto, che è stato sentito anche nell’entroterra. Tra i comuni più vicini, Mondolfo a 12 km e Montemarciano e Tre Castelli a 13 km. La scossa dunque al confine tra le province di Ancona e Pesaro Urbino. A parte che da Senigallia, però, non sembrano esserci segnalazioni da altri comuni vicini all’epicentro.

Quella intorno al Monte Conero è una zona dove già in passato sono avvenuti eventi di rilievo: uno dei più forti e recenti il 22 agosto 2013, quando intorno alle 8.30 del mattino una forte scossa di terremoto è stata avvertita in tutto il litorale. Nella memoria collettiva, si ha il ricordo invece di una scossa avvenuta il 14 giugno 1972, di magnitudo 4.7, al termine di una sequenza di scosse che andava avanti dal 1970.

Leggi anche –> Terremoto, scossa stamattina presto sulle coste ioniche – FOTO