Svezia: aumento delle mutilazioni genitali femminili

Svezia, aumento delle mutilazioni genitali femminili: i dati spiegano il perché, più immigrazione da Paesi a rischio e maggiore consapevolezza.

mutilazioni genitali femminili
(Flickr/CC-BY-2.0)

Il numero di rapporti di polizia sulle mutilazioni genitali femminili in Svezia è quasi triplicato negli ultimi tre anni. Nel 2018 sono stati segnalati 38 casi rispetto ai 14 del 2015. Tuttavia, questa è solo la punta di un iceberg; le autorità sospettano che almeno 40.000 donne e bambini in Svezia siano vittime della barbara usanza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati sulle mutilazioni genitali femminili: perché aumentano

Secondo gli esperti di SvD, la crescente disponibilità a denunciare casi sospetti è alla base delle cifre in aumento. Ciò a causa di una maggiore consapevolezza tra i dipendenti dell’ospedale, le scuole e gli infermieri. “I professionisti hanno aperto gli occhi su questo problema. Nella contea di Stoccolma la gente ne parla di più e ci sono stati anche corsi di formazione ”, afferma l’ostetrica Anna-Lena Näsström. L’aumento della popolazione proveniente soprattutto dal Corno d’Africa e dai paesi del Medio Oriente negli ultimi anni potrebbe essere un’altra spiegazione dietro le cifre allarmanti.

In totale, la popolazione svedese è cresciuta con 1,4 milioni di persone dal 2002, nonostante un aumento dell’emigrazione degli svedesi nativi, oltre alla riduzione della natività tra gli stessi. In Somalia, quasi il 98 percento delle donne è mutilato genitalmente. I somali sono il più grande gruppo di migranti africani che entrano in Svezia e uno dei popoli in più rapida crescita nel paese con un totale di 70.000 persone nel 2018, secondo le statistiche di SCB. Nonostante le mutilazioni genitali femminili siano vietate in Svezia dal 1982, nel 2006 vi sono solo due condanne, entrambe a causa della legislazione che prevede che sia la vittima che l’autore si trovino nel Paese.