Chi è Egan Bernal, il giovane scalatore colombiano maglia gialla al Tour

Chi è Egan Bernal
(Getty Images)

Egan Bernal ha stupito tutti al Tour de France staccando i più forti in salita e conquistando la maglia Gialla: chi è il giovane ciclista colombiano.

Un’azione prepotente di quelle che hanno reso e rendono il ciclismo uno degli sport più appassionanti. Egan Bernal, fenomeno annunciato del ciclismo mondiale, si è presentato così al grande pubblico che segue il Tour de France. Nella tappa di ieri, il difficile appuntamento alpino che presenta il probante Col de l’Iseran, lo scalatore colombiano ha deciso di mettere in mostra tutte le proprie capacità: sentiva la gamba ed ha cominciato a strappare, il primo scatto ha creato una selezione che ha permesso solo ai più forti di rimanere in scia, ma quelli successivi hanno creato il vuoto.

Nei chilometri che lo hanno portato in cima al colle, Bernal andava a velocità doppia rispetto agli altri, ha ripreso i fuggitivi e staccato pure loro, presentandosi al gran premio della montagna da solo. Avrebbe certamente vinto la tappa, soddisfazione che gli è stata tolta perché la neve ha costretto gli organizzatori ad interrompere la corsa, ma a fine giornata ha avuto comunque la soddisfazione di vestire la maglia gialla.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Egan Bernal: il giovane colombiano in maglia gialla

Nato a Zipaquirà, paesino montano della Colombia che si trova a 2.650 metri d’altezza, il 13 gennaio (lo stesso giorno di Marco Pantani) del 1997, Egan Arley Bernal è un predestinato. Comincia a correre con le mountain bike ed ottiene il primo risultato di prestigio a soli 17 anni, quando nel 2014 conquista l’argento ai mondiali juniores. L’anno successivo torna sul podio del mondiale, questa volta però come terzo classificato. Di lui si innamorano due procuratori italiani, Alberati e Fondriest, che decidono di portarlo in Italia.

Alberati lo accoglie in casa, a Catania, ed è in Sicilia che nasce l’amore di Bernal per il ciclismo su strada. Il giovane colombiano scopre il mare ed i tornanti dell’Etna, in breve le sue qualità da scalatore vengono notate da Gianni Savio che gli fa firmare un contratto per la sua squadra, la Androni Giocattoli. Con l’Androni lo scalatore ottiene i primi successi: la vittoria al Sibiu Tour in Romania, il quarto posto nella classifica generale del Tour de l’Avenir (Tour de France under 23) ed il secondo posto nel Giro dell’Appenino.

I risultati suscitano l’interesse di Sky che nel 2018 gli fa firmare un contratto, il primo, da professionista (fino a 23 anni i ciclisti possono gareggiare come dilettanti). Già lo scorso anno Bernal dimostra che il team Sky ha fatto un buon investimento: vince il titolo nazionale crono e la Colombia Oro y Paz, vince il giro della California e ben figura al primo Tour de France. Quest’anno ha già vinto la Parigi-Nizza ed il Tour della Svizzera, quindi il capolavoro sull’Iseran e la pazza idea di trionfare anche a la Grand Boucle.