Carabinieri ucciso a Roma: polemica per le foto apparse su Facebook

Carabinieri ucciso a Roma nella notte: su Facebook apparse “le foto dei sospettati”, si scatena la polemica e c’è chi parla di bufala.

carabiniere ucciso
(Facebook)

La morte del carabiniere Mario Cerciello Rega ha letteralmente scosso l’opinione pubblica italiana: il militare dell’Arma è stato ucciso a coltellate nella notte a Roma e la dinamica dell’accaduto appare ancora poco chiara. Su quanto accaduto, si è espresso con parole forti il ministro Matteo Salvini. Il giovane uomo si era sposato da appena un mese e mezzo e la moglie è stravolta dal dolore. Intanto, in caserma sarebbero stati portati quattro sospetti, due di loro sarebbero coinvolti nell’omicidio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Su Facebook i presunti sospettati della morte del carabiniere

Si tratta di sospettati, ma in queste ore su una pagina Facebook sarebbero stati ugualmente postati i loro volti. La pagina social di riferimento è Edoardo Giannini/ Security Consultant e si può leggere: “Ecco le prime immagini dei sospettati dell’omicidio, in custodia presso la stazione Cc San Pietro a Roma”. Le immagini circolate e condivise hanno scatenato molte polemiche.

Infatti, se qualcuno ha postato commenti con insulti e richieste di rimpatrio o di pene severe, c’è anche chi fa notare come non debbano essere divulgati dati così delicati. Non solo: c’è chi grida anche alla bufala. Uno dei commenti sottolinea infatti: “I tg parlano di due cittadini statunitensi, mi sembra strano che siano già in giro foto segnaletiche quando si è ancora sotto indagine”. Un altro commentatore chiede: “Sono soltanto sospettati o il gip ha confermato il fermo?”. Infine c’è chi evidenzia: “Sono felice perché li hanno fermati in così poco tempo… Molto meno felice per il fatto che qualche idiota, possa aver pensato di divulgare schede segnaletiche che sono documenti riservati”.