Chi era Lina Cavalieri, la donna più bella del mondo

Storia di Lina Cavalieri, chi era la donna più bella del mondo: a lei è ispirato il film “La donna più bella del mondo”, interpretato da Gina Lollobrigida.

lina cavalieri
Gina Lollobrigida interpreta Lina Cavalieri (foto pubblico dominio)

Alla figura di Lina Cavalieri è ispirato il film “La donna più bella del mondo“, diretto da Robert Z. Leonard e interpretato da Gina Lollobrigida, che vinse il David di Donatello come miglior attrice protagonista, e Vittorio Gassman. La pellicola – una coproduzione italo-francese – fu il maggior successo italiano della stagione 1955-56 ed è ancora oggi tra i 10 film italiani più visti di sempre. Nata a Roma nel 1875, vedette e poi cantante lirica degli inizi del secolo scorso, il fascino di Lina Cavalieri l’ha resa una diva del tempo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Lina Cavalieri e perché è diventata famosa

Lina Cavalieri è figlia di famiglia umile e sin da ragazzina è costretta a fare lavori per aiutare i suoi cari: la sua abitudine a cantare sul posto di lavoro le fa incontrare Arrigo Molfetta, che giovanissima la fa esordire in un teatro di Piazza Navona. La sua bellezza, il suo temperamento e la sua voce la rendono in poco tempo molto popolare. Da Roma si trasferì a Parigi, dove fu una delle icone della cosiddetta Belle époque e Gabriele D’Annunzio arrivò a definirla “la massima testimonianza di Venere in Terra”, dedicandole una copia de ‘Il Piacere’.

Nel 1900 e fino allo scoppio del primo conflitto mondiale, Lina Cavalieri si diede alla musica lirica, divenendo soprano di fama mondiale. Nel 1914 abbandona il teatro e si dedica alla carriera cinematografica. Poche pellicole finché nel 1920 lasciò definitivamente il mondo dello spettacolo, ancora giovane. L’anno successivo, si trasferì a Parigi e sfruttando la sua fama aprì un istituto di bellezza. Tra i tanti amori, quello con Giovanni Campari, membro della celebre famiglia del drink noto ancora oggi. Tornata definitivamente in Italia, morì l’8 febbraio 1944 durante il bombardamento alleato su Firenze.