Home News Sciopero treni, bus ed altri settori, gli orari e le motivazioni: “Scelta...

Sciopero treni, bus ed altri settori, gli orari e le motivazioni: “Scelta inevitabile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:33
CONDIVIDI
Sciopero treni bus metro
Giornata nera per viaggiatori e pendolari, sciopero treni, bus, metro e non solo il 24 luglio 2019 – FOTO: viagginews.com

Lo sciopero treni che colpirà l’Italia intera il 24 luglio e che si estenderà a tante altre tipologie dei trasporti creerà grossi disagi: gli orari nelle varie città.

Nessun rinvio per lo sciopero treni e generale che oggi, mercoledì 24 luglio, colpirà l’Italia intera in vari settori dei trasporti. “Non ci sono le condizioni”, spiegano i sindacati in risposta a Danilo Toninelli, ministro dei Trasporti, durante un incontro nel quale il pentastellato aveva richiesto di poter spostare in altra data la protesta per non creare ulteriori disagi dopo lo stop agli spostamenti su binari causati dall’atto doloso di Firenze di lunedì scorso. In quella circostanza una centralina era stata data alle fiamme da dei teppisti nella stazione di Rovezzano, ed in totale c’erano stati 3 incendi imputabili ad altrettanti deprecabili gesti. La cosa aveva paralizzato la normale circolazione dei treni, portando a ritardi di ore rispetto agli orari previsti ed anche alla cancellazione di diverse corse. Con il risultato che migliaia di viaggiatori, tra pendolari e turisti, ne hanno pagato le cause. Ed a distanza di appena due giorni sarà così anche oggi.

LEGGI ANCHE –> Bibbiano, su Google è più ricercato di Salvini: scandalo di portata enorme

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sciopero treni ed altri settori il 24, poi tocca agli aerei il 26

Senza contare che la settimana nera proseguirà venerdì 26 con lo sciopero anche per quanto riguarda i trasporti aerei. Che almeno sarà circoscritta a sole 4 ore, rispetto alle 24 iniziali previste. Lo sciopero treni ed aerei è una mossa che si è resa necessaria, secondo i sindacati dei trasporti Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. Questo “per colpa della mancanza di dialogo e di convocazioni nonostante i gravi problemi dei trasporti”, a detta degli enti interessati. Il ministro Toninelli ha proposto l’apertura di un dibattito per parlare della mancanza di regolamentazioni in materia di concorrenza e di dumping contrattuale, allo scopo di evitare in futuro altri scioperi di dimensioni enormi come quelli di questi giorni.

Il ministro Toninelli: “Va bene scioperare, ma con responsabilità”

Toninelli ha scritto sul suo profilo Facebook: Ho incontrato le sigle sindacali che hanno proclamato uno sciopero dei trasporti terrestri e marittimi per domani e aereo per venerdì prossimo. Al tavolo di oggi seguiranno tavoli tematici al mio ministero per dare soluzioni alle tante questioni importanti che preoccupano chi lavora nel settore. Il diritto allo sciopero è garantito dalla Costituzione, ma ho chiesto alle sigle un gesto di responsabilità rispetto al delicato periodo di esodo estivo in cui ci troviamo e all’indomani del gravissimo attentato che ha bloccato il sistema ferroviario. Dall’altra parte ho ribadito lo sforzo del mio dicastero e del Governo che sta già dando frutti importanti in relazione alle loro istanze”.

“Alitalia sfida delicata, basta spreco di soldi pubblici”

“Voglio solo ricordare le recenti conquiste in tema di tutela del lavoro nell’autotrasporto rispetto al dumping generato dalle aziende di alcuni Paesi europei. Stiamo affrontando un impegno enorme nel far decollare Alitalia senza più spreco di danaro pubblico. E gli esempi potrebbero continuare. Anche sul fronte delle infrastrutture, stiamo sbloccando opere come mai prima e i contratti di programma Anas ed Rfi puntano molto sulla manutenzione che aumenta la qualità della vita di chi viaggia e di chi lavora sulle nostre reti. Noi ci siamo e ci auguriamo che i sindacati vogliano tener conto delle esigenze di tutti gli italiani in questa importante settimana di fine luglio”.

Gli orari dello sciopero di treni, bus, tram e metro

Lo sciopero verrà osservato in tutta Italia, e per quanto riguarda gli orari, essi varieranno da luogo a luogo. A Milano, Torino e Firenze si sciopera dalle 18:00 alle 22:00 di oggi, a Genova dalle 11:30 alle 15:30. A Venezia braccia incrociate per sole tre ore, dalle 10:00 alle 13:00, a Bologna dalle 11:00 alle 15:00. Stop a Perugia dalle 17:30 alle 21:30, treni, bus e tram fermi a Roma dalle 12:30 alle 16:30. A Napoli si sciopera dalle 09:00 alle 13:00, a Palermo dalle 09:30 alle 12.30, a Bari dalle 12:30 alle 16:30. Gli scioperi per bus, metro e tram dureranno 4 ore, quelli dei treni potrebbero raggiungere anche le 8 ore, nella fascia 09:00-17:00. Sono però garantiti linee e servizi essenziali.