Juventus-Inter, la prima da ex di Antonio Conte: come è finita

Nell’International Champions Cup il derby d’Italia tra Juventus-Inter, la prima da ex di Antonio Conte: come è finita la partita di oggi.

juventus inter
(Fred Lee/Getty Images)

Si è conclusa pochi istanti fa la partita tra Juventus e Inter, all’interno della International Champions Cup, che vede al momento in testa con sei punti in due partite Arsenal e Bayern Monaco. Si tratta di un trofeo estivo, ma sicuramente tra bianconeri e nerazzurri la rivalità non va in vacanza nemmeno a luglio e lo dimostra una partita tesa, come quella giocata oggi a Nanchino, in Cina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sintesi di Juventus-Inter del 24 luglio 2019

In attesa di capire cosa ne sarà degli obiettivi di mercato Edin Dzeko e Romelu Lukaku, Antonio Conte – alla sua prima uscita da ex juventino con la casacca degli storici rivali – si affida a un tandem d’attacco inedito, formato da Ivan Perisic e dal giovanissimo Sebastiano Esposito, gioiellino appena 17enne, che si è fatto notare sia nella Primavera che nell’Under 17 nella stagione appena trascorsa. Nella Juventus spazio a un tridente composto da Bernardeschi, Higuain e Cristiano Ronaldo.

Nerazzurri subito vivaci e in gol dopo appena dieci minuti: calcio d’angolo molto teso di Stefano Sensi e Matthijs de Ligt, neo acquisto arrivato dall’Ajax, in un tentativo maldestro di anticipo la mette nella sua porta. A metà del secondo tempo, il gol del pareggio della Juventus: punizione calciata da Cristiano Ronaldo, deviazione di Perisic in barriera ed è 1-1. A un quarto d’ora dalla fine, girandola di sostituzioni nelle due squadre e in particolare tra le file dei nerazzurri. Finisce così e si va ai rigori. Si parte con l’errore di Ranocchia, parato da Buffon, mentre segna Cancelo. Segna Puscas, segna anche Cristiano Ronaldo. Sbaglia anche Longo, parato ancora da Buffon. Emre Can invece non sbaglia. Tocca a Joao Mario che non sbaglia, quindi Rabiot spara alle stelle e tiene aperta la sfida. Barella segna un rigore calciato malissimo, nonostante Buffon abbia intuito la traiettoria. Tocca a Bernardeschi e sbaglia anche lui. Si va ad oltranza: sbaglia anche Borja Valero, che batte malissimo, mentre Demiral la mette all’angolino e la Juventus vince il derby d’Italia.