Mara Venier, chi è Francesco Ferracini, l’ex compagno papà di Elisabetta

Francesco Ferracini era conosciuto per aver girato alcuni film di successo negli anni Settanta, e soprattutto per il suo matrimonio con Mara Venier. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Francesco Ferracini è stato un celebre attore, famoso soprattutto per aver interpretato film cult come “Quelli della calibro 38”, “Roma drogata: la polizia non può intervenire” e “La polizia è sconfitta”. E’ purtroppo venuto a mancare il 24 Maggio 2016. Ripercorriamo insieme la sua vita professionale e privata.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Francesco Ferracini

Oltre che per la sua brillante carriera di modello e attore, Francesco Ferracini è salito agli onori delle cronache per il suo matrimonio con l’allora giovanissima Mara Venier. Quando i due si sono sposati lei aveva 17 anni ed era già incinta della primogenita Elisabetta, che ha poi seguito le orme materne (è nota soprattutto per aver condotto il programma RAI “Solletico”).

La relazione tra Francesco Ferracini e Mara Venier, però, fu tutt’altro che idilliaca: i due si lasciarono dopo appena un anno di matrimonio, nonostante il lieto evento della nascita di Elisabetta, forse complici anche lo stress e le pressioni professionali cui entrambi erano sottoposti. C’è addirittura chi sostiene che Ferracini abbia lasciato sola la moglie la prima notte di nozze per rincorrere i suoi sogni di gloria e fama. Nonostante tutto, però, gli ex coniugi hanno mantenuto fin dall’inizio rapporti distesi e di reciproco affetto, come racconta la stessa Venier nella sua autobiografia “Amori di zia”, dove dedica parecchie pagine all’ex marito.

A informare la Venier della morte di Francesco è stata proprio la figlia Elisabetta,  legatissima a entrambi i genitori. Appresa la triste notizia, Mara rivolse un semplice quanto sentito saluto all’ex marito: “Ciao Francesco….sarai sempre con noi”. La Signora della tv della domenica si dice tuttora profondamente addolorata per la morte di un uomo al quale era molto legata, e non solo perché le ha dato una delle gioie più grandi della sua vita.

EDS