Home News Sbarco sulla Luna, chi era Joan Archer: la storia dell’ex moglie di...

Sbarco sulla Luna, chi era Joan Archer: la storia dell’ex moglie di Buzz Aldrin

CONDIVIDI
joan Archer luna
(Buzz Aldrin)

Nel giorno dei 50 anni dallo sbarco sulla Luna, ricordiamo la storia di Joan Archer: la moglie di Buzz Aldrin, astronauta che con Armstrong fece parte della spedizione dell’Apollo 11.

Nel giorno in cui si celebrano i 50 anni dallo sbarco sulla Luna, il mondo ricorda anche quelle persone che indirettamente hanno scritto il loro nome nella storia della modernità. Perché sono tantissimi i personaggi collegati ai protagonisti dell’allunaggio del 20 luglio 1969, quando sul satellite naturale misero piede Neil Armstrong e Buzz Aldrin. Per il legame con quest’ultimo è diventata famosa anche Joan Archer, che in quel preciso momento era la moglie del secondo uomo nella storia ad aver calpestato la Luna. Oggi vogliamo ricordare proprio la storia della donna morta quattro anni fa e il cui destino, in qualche modo, fu segnato proprio da quell’evento storico.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sbarco sulla Luna, chi era Joan Archer: la storia dell’ex moglie di Buzz Aldrin

Nata negli anni ’30 a Paterson, Joan Ann Archer conseguì una laurea alla Rutgers University e continuò il suo percorso con un master alla Columbia University. È proprio qui che la donna conoscerà il tenente dell’Air Force Buzz Aldrin, che nel giro di quattro anni diventerà suo marito. Un’unione durata 20 anni è terminata nel 1974, a 5 anni dallo sbarco sulla Luna. Il ritorno sulla Terra fu infatti devastante per Buzz Aldrin, che negli anni successivi soffrirà di depressione. Il divorzio, secondo le cronache dell’epoca, fu causato anche dai presunti tradimenti dell’uomo. La coppia ebbe tre figli, Janice, James e Andrew. L’astronauta, negli anni a venire, si sposerà altre due volte ed avrà altri tre figli. Joan Archer è deceduta nel 2015, ma il suo nome resterà comunque legata alla storia: “Essere la moglie di un astronauta significava prendere il tè con Jackie Kennedy, partecipare ai gala dell’alta società ed ottenere una celebrità istantanea”, scriverà Lily Koppel nel suo libro The Astronaut Wives Club sul gruppo di mogli degli astronauti dell’Apollo 11.