Home News Antonio Ciontoli, accuse scioccanti: “Mi ha puntato la pistola”

Antonio Ciontoli, accuse scioccanti: “Mi ha puntato la pistola”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41
CONDIVIDI

Antonio Ciontoli, accuse scioccantiAntonio Ciontoli è stato accusato da un uomo sessantenne di minacce con arma da fuoco, l’episodio sarebbe avvenuto cinque anni fa, dopo che l’ex ufficiali ha tagliato la strada all’altro automobilista.

Da quando la pena per l’omicidio di Marco Vannini è stata ridotta a cinque anni in Appello, Antonio Ciontoli è spesso al centro delle polemiche. Le ultime erano nate in seguito alla messa in onda di una lunga intervista in cui l’ex ufficiale ha dichiarato di non aver capito che Marco Vannini era stato colpito da un proiettile ed in cui ha chiesto alla famiglia Vannini di trovare il coraggio di perdonarlo per quanto accaduto.

Alle critiche si aggiunge una situazione difficile visto che i problemi legali non si risolvono alla condanna a 5 anni: Ciontoli dovrà attendere il risultato del ricorso in Cassazione che la famiglia Vannini ha presentato sulla sentenza di secondo grado ed è implicato in una seconda indagine che vede coinvolto anche l’ex comandante della caserma dei Carabinieri di Ladispoli Roberto Izzo, accusato da un testimone di aver confessato che a sparare sarebbe stato in realtà Federico Ciontoli  e che fu lui a consigliare ad Antonio di addossarsi la colpa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuove accuse ai danni di Antonio Ciontoli 

In un’intervista concessa al ‘Corriere.it’, un uomo di sessantanni ha accusato Antonio Ciontoli di avergli puntato contro una pistola. Il gesto sarebbe stato causato da un diverbio stradale: “Ero sul tratto della via Aurelia nell’estate 2014, poco prima di Castel di Guido, lungo una discesa”, spiega l’uomo che in seguito aggiunge: “Per una trentina di secondi una macchina dietro di me ha tentato di tagliarmi la strada. Usava gli abbaglianti”. A quel punto, intimorito, l’automobilista ha deciso di accostarsi per farlo passare: “Ho rallentato un po’ perché pensavo che lo sconosciuto fosse alterato da qualche sostanza, ma quando ha accostato e io ho abbassato il finestrino lui, con viso molto duro, senza dir niente, mi ha puntato la pistola. L’ho riconosciuto subito appena l’ho visto in tv. Era il signor Ciontoli”.