Home News Antonella Clerici, duro sfogo con la Rai: “Rispetti il contratto e mi...

Antonella Clerici, duro sfogo con la Rai: “Rispetti il contratto e mi faccia lavorare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17
CONDIVIDI
antonella clerici rai
Ed ora Antonella Clerici alza la voce con la Rai – FOTO: Instagram

Si fa difficile la situazione di Antonella Clerici in Rai: la presentatrice tv ora attacca l’azienda: “Non voglio essere pagata per stare a casa”.

Dopo essere rimasta in silenzio, Antonella Clerici alza la voce in merito alla sua esclusione da tutti i programmi Rai per la stagione 2019/2020. Il suo nome non figura nei palinsesti, se non per qualche trasmissione che però non scatena il suo entusiasmo. Al ‘Corriere della Sera’, l’ex conduttrice de ‘La Prova del Cuoco’ dice con un piglio deciso: “Sono concorde sul fatto di ritenere legittima la scelta di un direttore di rete di optare per dei cambiamenti. Ma nel mio caso ci sono due elementi importanti da prendere in considerazione. Anzitutto il mio contratto con la Rai, e poi quel che ho fatto per l’azienda in oltre 25 anni e passa. Rimane un anno residuo che ci lega e non mi va di essere pagata lautamente per starmene a casa, ho voglia di lavorare”. Ma con la direttrice di Rai 1, Teresa De Santis, evidentemente non c’è convergenza.

LEGGI ANCHE –> Temptation Island, la Clerici flirta con Mediaset: “E’ ipnotico” – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Antonella Clerici: “Ho la sensazione di voler essere messa da parte”

“Ci siamo parlate ma più che di uno scambio di progetti si è trattato di uno scambio di opinioni. E ne sono uscita con la convinzione di vestire i panni di una che deve essere messa da parte, non ho riscontrato la sensazione di essere un cavallo forte su cui puntare”. Sull’idea di condurre lo Zecchino d’Oro per tre giorni a dicembre, Antonella Clerici non si mostra contenta e liquida il tutto così. “Non voglio essere una tappabuchi. Se devo fare qualcosa è perché dev’esserci un progetto solido alle spalle, non come Sanremo Young, che è stato organizzato in corsa e che per questo ha fatto molto peggio rispetto alla sua prima edizione. La Rai possiede il brand di Sanremo ma lo usa solo per 5 giorni all’anno. Potrebbe fare un Sanremo Young coi fiocchi, un Sanremo Kids ed istituire provini, eventi social e simili su scala nazionale, tutti i giorni. Le Teche Rai? Si dovrebbe guardare al futuro e non al passato”.

“Ho ricevuto offerte importanti da altre emittenti”

La progettualità è la parola chiave per la Clerici, la quale conferma anche di aver ricevuto parecchie proposte allettanti. “Vero, altre emittenti mi vogliono e si sono fatte avanti. Ma nomi non ne faccio. Provo la stessa bella sensazione di quando stai con un ex fidanzato e tutti i complimenti sono per te. Ma è anche da questi momenti che nascono cose belle. Ora non mi sento supportata, e vedo che non si pensa a tutte le volte che ho fatto il bravo soldatino senza mai creare problemi. Dopo Sanremo 2010 avrei potuto fare la star capricciosa e mettere in difficoltà l’azienda, ma non l’ho fatto perché non è così che sono fatta. È sempre finita con me che lottavo da sola, spada sguainata. La mia priorità è restare alla Rai, ma voglio giocare in Serie A e non in provincia.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Grazie a @erreeffe7 @corriere il mio pensiero in questa vicenda.buona estate😀

Un post condiviso da Antonella Clerici (@antoclerici) in data: