Home News Andrea Camilleri, Conversazione su Tiresia: il monologo torna in tv

Andrea Camilleri, Conversazione su Tiresia: il monologo torna in tv

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42
CONDIVIDI

La morte dello scrittore Andrea Camilleri, Conversazione su Tiresia presentato un anno fa a Siracusa: stasera il monologo torna in tv.

conversazione su tiresia
(screenshot video)

Si chiama ‘Conversazione su Tiresia‘ ed è un monologo teatrale scritto e interpretato da Andrea Camilleri, il grande scrittore italiano deceduto oggi. Messo in scena al pubblico del Teatro Greco di Siracusa l’11 giugno 2018, successivamente portato al cinema, quindi diventato libro e trasmesso per la prima volta da Raiuno lo scorso 5 marzo 2019 senza alcuna interruzione pubblicitaria. La Rai ha deciso di riproporlo sempre sul primo canale nazionale, nel giorno della morte dello scrittore siciliano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cos’è il monologo Conversazioni su Tiresia di Andrea Camilleri

Sarà una delle tante iniziative della Rai per ricordare Andrea Camilleri, sicuramente la più importante. Lo spettacolo, per la regia teatrale di Roberto Andò e la regia televisiva dello stesso Andò e Stefano Vicario, è stato registrato e prodotto dalla Palomar. Prima di essere trasmesso in televisione lo scorso marzo, è stato mandato in onda nei cinema il 5, 6, 7 e 22 novembre 2018 in un evento speciale, prodotto dalla Nexo Digital con una serie di partner d’eccezione come Radio Deejay, Mymovies.it e la Sellerio, la storica casa editrice dello scrittore scomparso. La stessa casa editrice ha pubblicato il monologo nella collana Il Divano.

Il protagonista del monologo è lo stesso Andrea Camilleri, che si impersonifica nel personaggio di Tiresia, l’indovino che compare nell’Odissea, reso cieco da Giunone e punito perché rivelava i segreti degli dei. Il profeta dunque è lo stesso scrittore, che medita nel corso dello spettacolo sia sulla cecità che soprattutto sul tempo e sulla memoria. In uno dei passaggi chiave del monologo, lo scrittore evidenzia: “Devo dirvi e non vi sembri un paradosso, per carità, che da quando io non ci vedo più vedo le cose assai più chiaramente”.