Ucciso da una tigre, la moglie lancia l’appello: “Non è colpa del felino”

La moglie del dominatore ucciso da una tigre, Loredana Vulcanelli, ha svelato l’errore di suo marito in un movimento delicato: la dinamica dell’incidente

Tigre Circo
Tigre Circo © Getty Images

L’appello della moglie del dominatore ucciso da una tigre è encomiabile. La donna, Loredana Vulcanelli, ha svelato ai microfoni de “Il Quotidiano Nazionale” la mossa sbagliata del marito, dominatore di un circo Orfei, che è morto durante un addestramento a Triggiano: “È mio marito che ha sbagliato un movimento. Il felino è un predatore, con una zampata Ettore è crollato in un secondo perdendo la vita con la giugulare recisa. Non è stato sbranato”. Poi ha aggiunto: “Se io mi avvicino a uno strapiombo per farmi un selfie, non è colpa del burrone se muoio. Le tigri le abbiamo cresciute col biberon nella roulotte. Ogni sera allineiamo le tigri e facciamo un’esibizione privata tra di noi, per avere un contatto costante con gli animali. Mio marito prepara la carne dalla cintura e la dà da mangiare alle tigri quando fanno l’evoluzione… Mio marito entra nella gabbia: io e lui abbiamo un’intesa di 40 anni, con gli occhi ci capiamo. Qualsiasi allarme ce lo comunichiamo in un istante”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tigre uccide uomo, il racconto della moglie

La stessa donna ha rivelato il tragico incidente di quella sera terribile: “La prima tigre è salita sullo sgabello, mio marito è indietreggiato mentre io facevo venire la seconda tigre. Lui ha fatto tre passi in più rispetto al solito e, girandosi, è finito sotto alla tigre. Gli altri felini non lo hanno aggredito. Sono tornate impaurite dentro il tunnel. La tigre che l’ha colpito, Sultan, è rimasta sopra mio marito, come a vegliarlo, come se si fosse resa conta dell’errore”. Nel frattempo la magistratura ha sequestrato le otto tigri del circo Orfei collocandole allo Zoo di Fasano, in provincia di Brindisi.