Tiziano Ferro si racconta: “Il mio Dio non chiede pegno, sono cattolico…”

Dopo il matrimonio con Victor Allen, il cantante italiano Tiziano Ferro si è lasciato andare in una lunga lettera pubblicata su “Il Corriere della Sera”

Tiziano Ferro
Tiziano Ferro account Instagram

Un matrimonio per coronare il suo amore con Victor Allen. In una lettera pubblicata su “Il Corriere della Sera” lo stesso cantante italiano Tiziano Ferro si è confessato svelando ogni dettaglio del suo cuore e della sua mente: “Sono cattolico e il mio Dio è un Dio simpatico… che non chiede pegno. Fino a pochi anni fa nessuno conosceva la mia storia. Solo le chiese, il mio inconscio, i miei quaderni; qualche cuscino, la mia mente e le sue stanze. Solo io, a guardarmi ogni mattina allo specchio, senza apprezzarmi. Per poi ricominciare. Finché ho conosciuto l’amore…”. Poi ha aggiunto: “Io sono cattolico! Ho sentito dire a tanta gente indignata di fronte alle manifestazioni a sostegno dei diritti degli omosessuali. Il problema è che in questo Paese non crediamo abbastanza in Dio. Preghiamo, ma non ascoltiamo. Aspettiamo il miracolo e negoziamo l’arrivo di una soluzione, in cambio di qualche rinuncia…”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tiziano Ferro svela la sua fede

Lo stesso cantante italiano, poi, ha continuato parlando della sua intimità: “Sono cattolico. Quindi, ho ancora fede. I miracoli? Io il mio lo immaginavo sullo sfondo del Monte Circeo, la mia terra, il mio mare. E poi l’amore, solo amore. Il mio è un Dio che ama, che custodisce, che non chiede pegno. È un Dio simpatico. Un miracolo è tutte le volte che una cosa riesce meglio di come te l’aspettavi. Un miracolo è tutte le volte che la vita è più bella di come l’avevi immaginata. E qualche giorno fa, davanti al mio mare, di fronte al mio monte, il mio uomo e io ci siamo sposati. La cosa è molto più grande di Victor e di me. Riguarda tutti. Riguarda ogni ragazzino nascosto in mezzo agli scaffali di una libreria, con quel libro in mano. Uno su tremila. E riguarda ogni italiano libero, onesto, e innamorato come me di quel Dio simpatico”. Un matrimonio celebrato proprio a due passi da casa, a Sabaudia, nella giornata di sabato 13 luglio.