Home News Carmen Di Pietro caccia il figlio di casa: “Non voglio un bamboccione”

Carmen Di Pietro caccia il figlio di casa: “Non voglio un bamboccione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:56
CONDIVIDI

L’idea di un figlio “bamboccione” a Carmen Di Pietro non andava proprio giù. E così ha preso una decisione piuttosto drastica, invitando il pargolo a sloggiare.  

Con i figli, si sa, a volte servono le maniere forti. E Carmen Di Pietro stavolta ha dimostrato di saperle usare. Non volendo rassegnarsi all’idea di un figlio “bamboccione”, infatti, la 54enne showgirl, conduttrice radiofonica ed ex modella italiana ha letteralmente cacciato il pargolo di casa. “Devi crescere, non voglio un bamboccione”: così si è giustificata, come spiega in una lettera a DiPiù che ora sta facendo molto discutere.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il gesto forte di Carmen Di Pietro

Il primogenito di Carmen Di Pietro, Alessandro, ha appena compiuto 18 anni. Nei paesi nordici (e non solo) a quell’età è normale lasciare il nido domestico e andare per la propria strada. E visto che lui non si decideva, la mamma, stanca di averlo tra i piedi (sia detto in senso buono), ha preso l’iniziativa. “Anche se so che non ti farà piacere e ti sembrerò una madre spietata, il mio regalo è un invito di cui devi prendere atto: ti sbatto fuori di casa”, scrive la Nostra in una lunga lettera inviata al settimanale DiPiù. E, a scanso di equivoci, spiega che per lui è arrivato “il momento di cominciare ad affrontare le difficoltà della vita da solo, perché non esiste solo il divertimento ma anche il sacrificio”. Traduzione: è ora di trovarsi un lavoro e una casa in affitto!

Certo, Carmen Di Pietro non nasconde che è stato difficile prendere una decisione del genere, ma si affretta anche a precisare che “lo faccio per il tuo bene”. Già, perché il buon Alessandro ha “sempre avuto tutto dalla vita”, quindi “per diventare un uomo devi iniziare a camminare con le tue gambe, non voglio a casa un bamboccione”. Dopo di che la mamma entra nei dettagli: “Mi hai chiesto la macchina, e non una piccola ed economica, oltre alla festa che mi è costata una tombola. Ma l’auto no, te la devi guadagnare da solo”. Alla valigia per il trasloco, invece, ci ha già pensato lei. “Per te ci sarò sempre, mica ti abbandono e non pensare che io sia cattiva o troppo severa perché un giorno mi ringrazierai” assicura Carmen, e conclude: “Figlio mio, vedrai che è bello diventare grande”. Anche lontano da mammà.

EDS