Temptation Island, Raffaella Mennoia svela: “Vi racconto tutti i segreti…”

Un’intervista interessante quella rilasciata dalla collaboratrice più fedele di Maria De Filippi, Raffaella Mennoia ai microfoni di FQ magazine, sulle storie di Temptation Island

Raffaella Mennoia

Temptation Island torna questa sera in prima serata su Canale5. Ai microfoni di FQ magazine è tornata a parlare Raffaella Mennoia, la collaboratrice più fedele di Maria De Filippi da più di quindici anni, che ha svelato particolari retroscena e storie interessanti di Temptation.  Ecco le sue dichiarazioni: “Insieme alle mie due colleghe abbiamo fatto il provino a circa 140 coppie, ma sono arrivate tantissime mail per provare a partecipare al programma. Abbiamo fatto pian piano una scrematura per arrivare alle sei che poi sono arrivate al programma”. Poi ha aggiunto: “Non c’è una formula precisa, semplicemente queste coppie sono quelle che mi hanno convinto di più attraverso il racconto di dinamiche e di storie. Quando vedi una coppia al provino, a parte ascoltarli, pensi a una costruzione non sapendo la direzione che prenderà il loro percorso. Deve esserci tra di loro un vissuto che ti convince, io sono lo spettatore medio. Alla fine scelgo quella che mi piace di più e che vorrei vedere nel programma”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Temptation Island, Raffaella Mennoia sul finale del programma

Lo stesso braccio destro di Maria De Filippi ha, poi, raccontato diverse situazioni: “Chi partecipa vuole risolvere un problema, se il problema è ‘voglio vedere se dice che gli manco’ non ha senso. Quando arrivano e mi dicono ‘voglio vedere quello che fa l’altro’ io rispondo mettiti un investigatore. Non è questo il contesto, non è questo il programma”. Infine, la stessa Raffaella Mennoia ha svelato come finirà il programma con alcuni retroscena succosi: “Gli autori gestiscono le situazioni di un programma non facile ma scritto assolutamente no. In questo genere di trasmissioni non puoi scrivere nulla, devi lasciare libero chi partecipa. Diciamo che in media c’è un falò ogni quattro giorni. Saranno tutti confronti clamorosi, almeno altri due. Un finale che non pensavo nemmeno io quando li ho selezionati”.