Federico Rossi sbotta su Instagram contro un “corteggiatore” di Paola Di Benedetto

Federico RossiFederico Rossi non ha reagito bene alla provocazione di un utente che dopo averlo insultato si è proposto come nuovo partner di Paola Di Benedetto.

Il cantante Federico Rossi non ha ancora superato la fine della storia con la stupenda Paola Di Benedetto. In un recente post su Instagram ha fatto capire come sia ancora preso dalla ex e di come sapesse di aver perso una parte di se stesso sin dal primo istante in cui si è conclusa la relazione. Parole d’amore che sicuramente faranno piacere alla ragazza, ma che hanno offerto lo spunto a qualche hater per provocarlo e farlo arrabbiare.

Uno degli utenti ci è persino riuscito postando un commento evidentemente provocatorio e offensivo, visto che apostrofa il cantante come “Mong***” e si propone come prossimo fidanzato della modella: “Paola ora possiamo metterci insieme finalmente”. La risposta di Federico non si è fatta attendere ed è dello stesso tenore della provocazione: “Cogli***, non ti guarderebbe nemmeno con un binocolo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Federico Rossi sbotta su Instagram

Una reazione normale ad una provocazione, se non fosse che il cantante ha poi continuato lo sfogo dimostrando che il commento lo abbia colpito nel profondo e non lo ha semplicemente infastidito: “Io vorrei fare una petizione per tutti questi microcefali che abbiamo sul web e che poi si riversano nella realtà. Ragazzi, ma quanti microcefali ci sono? Basta scorrere i commenti. È pieno di persone senza testa. Mamma mia, è una situazione molto problematica”.

La reazione del cantante ha convinto altri utenti a provocarlo sulla questione ex fidanzata, a quel punto Federico si è visto costretto a chiudere la discussione senza farsi trascinare in ulteriori querelle social, dicendo con altrettanta verve e rabbia: “Ora tutti vogliono provare a commentare con queste frasi di mer**, per provare a vedere se le ripubblico e avere due secondi di gloria. Apparite comunque di mer** anche se vi pubblico, teste di caz**”.