Chi è Domenico Massari, l’uomo che ha ucciso Deborah Ballesio a Savona

l'uomo che ha ucciso Deborah BallesioChi è Domenico Massari: ecco la storia dell’uomo che ha confessato di aver ucciso l’ex moglie, Deborah Ballesio, a Savona.

La vita di Deborah Ballesio, donna di 40 anni di Savona,  si è interrotta bruscamente sabato sera, quando un uomo, armato di pistola, ha fatto irruzione nel locale ‘aQuario‘ e le ha scaricato addosso 5 colpi. Nell’attacco è rimasta ferita un’altra donna e una madre ed una figlia sono state colpite di striscio dai colpi. L’uomo si è poi dileguato dandosi alla fuga. Sin dai primi istanti i sospetti degli investigatori sono ricaduti sull’ex marito della donna, Domenico Massari, sia per la dinamica dell’omicidio (una vera e propria esecuzione), l’assassino ha chiesto a Deborah “Ti ricordi di me?”, prima di ucciderla, come a volerla rendere cosciente di quello che stava per capitare, sia perché c’erano dei precedenti di comportamento ossessivo da parte dell’uomo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Domenico Massari, chi è l’assassino reo confesso di Deborah Ballesio

Domenico Massari era stato sposato con Deborah Ballesio per qualche anno, un periodo in cui l’uomo era solito riversare la propria rabbia e frustrazione sui di lei. I maltrattamenti e le violenze erano una costante di quella relazione e Deborah alla fine ha trovato il coraggio di denunciarle e di chiedere la separazione nel 2015, nonostante il timore che questo potesse portare ad altre conseguenze. In seguito a quell’atto di coraggio di Deborah, Domenico reagì con violenza, bruciando il locale di lap dance dell’ex moglie (Il ‘Follia’).

Non fu difficile risalire a lui come autore del rogo doloso, visto che Domenico rimase ustionato. Massari confessò subito il suo crimine e patteggiò per una pena di 3 anni e 2 mesi, condanna che ha finito di scontare di recente. Deborah in questi anni ha scritto, insieme al giornalista Edoardo Raspelli, il libro ‘Tanto lui mi ha già uccisa’, un testo che parla delle violenze subite e punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione femminicidio. Dal titolo si evince come la donna temesse che l’ex marito potesse completare il suo intento criminale, ma nonostante timori fondati, precedenti e prove nessuno è riuscito a salvarla dall’ira di quell’uomo.