Wimbledon, finale Djokovic Federer: dove vederla in diretta streaming e tv

federer wimbledon
(Getty Images)

Il torneo di Wimbledon è giunto al suo atto finale, domenica 14 luglio lo scontro epico tra Djokovic e Federer: ecco dove vederlo in diretta streaming e in tv.

Finale più bella, probabilmente, non poteva esserci. Per tutti gli appassionati del tennis, ma anche per chi lo guarda con un certo distacco, Novak Djokovic contro Roger Federer sul prato verde di Wimbledon è sinonimo di pomeriggio perfetto. Domenica 14 luglio tutti sintonizzati sull’ennesimo scontro tra due dei più grandi giocatori della storia di questo sport. Entrambi autori di un torneo praticamente perfetto, sono giunti a questa finale in modo diverso. Il serbo ha battuto in semifinale lo spagnolo Bautista, pur perdendo un set (3-1). Stesso risultato per lo svizzero, che però è stato protagonista di un altro match da favola contro il rivale storico, Rafa Nadal. Sull’erba, però, Federer – che non ha certo bisogno di condizioni ideali per dimostrare la sua classe sconfinata – sembra spesso avvolto da un’aurea di invincibilità. Ecco perché il pronostico per questa finale è più incerto che mai.

Wimbledon, finale Djokovic Federer: dove vederla in diretta streaming e tv

La finale di Wimbledon tra Djokovic e Federer si terrà domenica 14 luglio, con inizio programmato per le ore 15 italiane. Così come l’intero torneo, anche l’ultimo atto sarà un’esclusiva per gli abbonati Sky. Il match da sogno sarà trasmesso infatti su Sky Sport Uno e Sky Sport Wimbledon, il canale dedicato esclusivamente alla kermesse britannica. Inoltre, per tutti gli abbonati alla piattaforma satellitare ci sarà la possibilità di gustarsi la sfida anche su Sky Go.

Per saperne di più –> Pezzotto, l’IPTV sbarca su Facebook e WhatsApp: cosa si rischia

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi soltanto a piattaforme legali come queste, acquistando una partita previo abbonamento per vederle. Così avrete garantita anche la qualità, ma non solo. Vanno infatti evitati siti come Rojadirecta che il cosiddetto ‘pezzotto‘. Il rischio reale infatti è quello di incorrere in reati penali.